“E la chiamano estate…”, campagna contro l’abbandono degli animali

di 

2 luglio 2014

Cane e gatto animaliPESARO – Inciviltà pura, oltre che fuorilegge. Partire per le vacanze e abbandonare i propri animali domestici non ha scusanti. Lo ricordano la Provincia di Pesaro e Urbino – per la precisione l’Assessorato al Randagismo – e la Consulta provinciale per il volontariato, che anche quest’anno hanno promosso una campagna contro l’abbandono e il maltrattamento degli animali, diffondendo una locandina dal titolo “E la chiamano estate… Non ci abbandonare! Noi non lo faremmo mai”.

Pene severe. E’ bene sapere che chi abbandona animali domestici rischia fino ad un anno di reclusione o un’ammenda che va dai 1.000 ai 10.000 euro, come prevede la legge numero 189 del 20 luglio 2004. Il reato di maltrattamento è invece punito con la reclusione da 3 mesi ad un anno o con una multa da 3.000 a 15.000 euro.

Tante strutture disponibili. Nella locandina della campagna viene anche indicato il sito della Provincia www.turismo.pesarourbino.it dedicato ai viaggiatori con animali al seguito, che possono così trovare le tante strutture in cui è possibile portare con sé il proprio amico a quattro zampe: basta andare nella sezione “Dove dormire” e selezionare tra i servizi l’opzione “Animali ammessi”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>