Rodari, Comune e Asur s’incontrano e definiscono un protocollo specifico per istituire un “tavolo misto”

di 

2 luglio 2014

La scuola Rodari di via Recchi

La scuola Rodari di via Recchi

PESARO – Nuovo incontro tra Comune e Asur in piazza del Popolo sul caso Rodari. Presenti il sindaco Matteo Ricci e l’assessore Giuliana Ceccarelli per l’amministrazione comunale, il direttore Maria Capalbo, Giovanni Cappuccini (Dipartimento Prevenzione) e Annarita Pelliccioni (Igiene e sanità pubblica) per l’Asur Area Vasta 1. Al tavolo anche la professoressa Emilia Prospero, docente di Igiene dell’università Politecnica delle Marche, per “le valutazioni della situazione e delle eventuali iniziative da intraprendere alla luce delle più recenti evidenze scientifiche, in relazione agli eventi accaduti nell’istituto”. Esaminati i dati tecnici e sanitari “già elaborati dai rispettivi uffici”, i rappresentanti degli enti comunicano che “nonostante l’evidenza rassicurante dei rilievi, si è stabilito di effettuare ulteriori approfondimenti, stilando uno specifico protocollo” finalizzato a istituire un “Tavolo Misto” per la comunicazione del rischio e la promozione della salute.

All’organismo, che sarà composto dai tecnici e da una componente dei rappresentanti dei genitori, sarà affidato il compito di “comunicare con i soggetti coinvolti nella vicenda e proporre eventuali ulteriori iniziative per la tutela della salute dei bambini e dei lavoratori”. Gli enti ribadiscono: “E’ già stato richiesto un parere specifico all’Istituto Superiore di Sanità. Che, terminato l’esame della documentazione tecnica, scientifica e sanitaria trasmessa, produrrà a breve una dettagliata relazione per specificare il grado di rischio causato dalla vicenda”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>