A Popsophia si parla di “Amore, omosessualità e altre storie”: dialogo tra Umberto Curi e Nicla Vassallo. Il programma

di 

3 luglio 2014

PESARO – Massimo Donà e Giulio Giorello sono gli sfidanti di venerdì 4 luglio , alle ore 18,  nell’agorà filosofica di Popsophia, filosofia del contemporaneo alla Rocca Costanza di Pesaro. Due personalità diverse e due punti di vista altrettanto distanti sul tema “Nostalgia del presente”, ossimoro tratto da una poesia di Borges. Curiosità e interesse suscita l’appuntamento delle 21.30, introdotto da “Il Punto” di Paolo Pagliaro: i filosofi Umberto Curi e Nicla Vassallo dialogheranno su “La Gaia Nostalgia. Amore, omosessualità e altre storie”, con accompagnamento musicale dal vivo grazie a una produzione inedita di Popsophia, dal titolo “La storia sbagliata: da Umberto Bindi ai Village People” (ensemble musicale Popsound, voce recitante Chiara Pietroni).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per la rassegna “Popism”, dove la pop filosofia interroga i fenomeni della società di massa (dal cinema alla fotografia, dalla televisione ai social network) alle 19 nei sotterranei della Rocca Simone Regazzoni intervisterà Francesca Gallarani e Debora Paparella sul tema “Vintage: la nostalgia è glamour”, mentre alle 22 Cesare Catà intervisterà Giulio Giorello e Simone Regazzoni su “Platone&Aristotele a Hollywood”. Alle 22.30, per “Philofiction”, Salvatore Patriarca si confronterà con Monia Andreani su “Modern Family ritorno al futuro”, per lasciare poi spazio al “Fuori orario”, dove Umberto Curi, Enrico Grezzi e Mauro Santini proporranno “Cinema e nostalgia visioni pensate”. Per la rassegna “Popcorto”, alle 23.30, altra produzione di Popsophia su “Macho man”.

Quanto alla musica, la rassegna “Jazzismi” raddoppia i suoi appuntamenti, proponendo alle ore 20 nel cortile della Rocca “Saudade” (con Ximena Jaime, Yasue Hokimoto e Jean Gambini), mentre alle 21 nei sotterranei “Yesterday” con la “Marconi Jazz Band” diretta da Maria Teresa Tecchi. Tutte le iniziative alla Rocca Costanza sono ad ingresso libero.

AI MUSEI CIVICI “LA MEMORIA DEL PRESENTE”

In occasione di POPSOPHIA, fino al 6 luglio è previsto un ingresso con biglietto speciale di 5 euro alla Mostra “La Memoria del presente” allestita nei Musei Civici di Palazzo Mosca a Pesaro, con visite guidate alla scoperta dei capolavori del Novecento italiano. L’allestimento, frutto della collaborazione tra Popsophia e Pesaromusei, racchiude in sé la sostanza stessa del ‘secolo breve’:  dalle “Muse inquietanti” di Giorgio De Chirico alla “Fucilazione” di Ernesto Treccani, dal “Paesaggio” di Osvaldo Licini al “Concetto spaziale” di Lucio Fontana. Un appuntamento impedibile, reso possibile anche grazie alla collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata, che ha prestato per l’occasione alcune delle più importanti opere. “Memoria del presente” racconta così un secolo “impetuoso”, stravolto da due conflitti mondiali, che nell’arte trova il luogo ideale per esprimere tutte le sue vicissitudini.

A ROCCA COSTANZA DEGUSTAZIONI DI TIPICITA’

“Creare nostalgia per l’esperienza vissuta, radicata nella più autentica tradizione del prodotto”: è l’obiettivo del Punto ristoro “Màrcorderò” (Mi ricorderò), nome in dialetto pesarese per esprimere il valore di un’esperienza, gestito alla Rocca Costanza di Pesaro da 5 ristoratori associati, facenti parte dell’Associazione Ristoratori di Pesaro e Urbino: “Polo Pasta&Pizza” di Pesaro, “Nenè” di Urbino, “Tano” di Fano, “Uldergo” di Pesaro e “Hostaria del Castello” di Gradara. In occasione di POPSOPHIA, ogni giorno dalle 18 in poi vengono proposti i prodotti tipici delle Marche, in particolare della provincia di Pesaro e Urbino, abbinati ad ottimi vini del territorio. Il tutto all’interno del progetto “Marche Street Food” a cui l’Associazione Ristoratori ha aderito. Nella giornata di apertura dell’evento, Otello Renzi dell’Istituto Marchigiano Tutela Vini ha presentato due vini doc del territorio, il “Bianchello del Metauro” ed il “Sangiovese dei Colli pesaresi”, proponendo l’abbinamento con il “Crostolo di Urbino” e la “Casciotta di Urbino”.

L’intero programma di POPSOPHIA è sulla pagina Facebook di Popsophia e sul sito www.popsophia.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>