Diletta Sestini, la nuova centrale: “Credo nel progetto di Volley Pesaro, sono qui per vincere”

di 

15 luglio 2014

PESARO – Dalla serie C di Pistoia alla B1 di Pesaro, passando da Pallavolo Valdarno (B2), Azzurra San Casciano (B1), Classe Bbc Roma (A2) Castellana Grotte (A2), Rebecchi Piacenza (A2), Terreverdiane Fontanellato (B1 e A2), Towers Breganze (B1 e A2) e Obiettivo Risorgimento Piacenza (A2).

Che carica Diletta Sestini! (dalla pagina Facebook, foto di Giuliano Gorghetto)

Che carica Diletta Sestini! (dalla pagina Facebook, foto di Giuliano Gorghetto)

Diletta Sestini, toscana di Prato (“ma da otto anni sono a casa meno di un mese all’anno”), ha festeggiato 27 anni lo scorso 3 maggio e da dodici stagioni è protagonista nel mondo della pallavolo femminile italiana. La centrale, alta 1,80, giocava in A2 e ha avuto diverse proposte per rimanere nella categoria. Anzi, la volevano in A1…

“A fare il terzo centrale. Anche se nella mia carriera non c’è una squadra della massima serie, e mi piacerebbe farne parte almeno per una stagione, preferisco giocare. Quindi ho scartato l’ipotesi. Io amo mettermi in discussione. E non importa la categoria, conta il progetto. Quello proposto dal Volley Pesaro mi è piaciuto subito. Ho scelto Pesaro perché ha un progetto importante e un campionato da vincere. Tutto ciò mi offre nuovi stimoli”.

Tante le referenze positive sulla sua nuova destinazione.
“Chi ha giocato a Pesaro mi ha detto che si vive benissimo. E’ un particolare molto importante, perché stare bene fuori della palestra aiuta a migliorare le prestazioni. Se vivi bene fuori, puoi dare di più in campo. Sono fondamentali l’ambiente, la società, i tifosi, ma anche la gente che non segue la pallavolo. Tutto contribuisce a dare il meglio”.

Diletta è una vera professionista…
“Da quando ho completato gli studi superiori, mi sono dedicata esclusivamente alla pallavolo”.

Con ottimi risultati: Diletta Sestini ha vinto due volte il campionato di B1, a Fontanellato prima e Breganze poi. Una bella esperienza, la sua.
“I miei campionati li ho fatti, qualcuno l’ho pure vinto… Credo che sarò tra le più esperte – per non dire vecchie – del Volley Pesaro, che avrà tante ragazze giovani. Spero di aiutare chi sta crescendo…”.

Sabato sera, a cena con Matteo Bertini e alcuni tifosi, si è parlato dei campionati da lei vinti, con l’augurio che a Pesaro faccia il tris.
“Ho vinto due B1 e so bene che è un campionato molto difficile. Forse più difficile della stessa A2”.

La coppia presidenziale Rossi – Sorbini aveva ipotizzato la serie A2, accordandosi con Forlì, ma ha preferito allestire una squadra per conquistare la promozione sul campo.
“Non ho alcun dubbio: c’è più soddisfazione a vincere sul campo che essere ripescati o comprare la promozione. Secondo me, Barbara e Matteo hanno allestito una squadra esperta che saprà gestire al meglio i momenti decisivi. Potremo contare sul bagaglio d’esperienza di Francesca Babbi, che di campionati ne ha vinti, e di Valentina Bellucci. E su giovani molto forti. Non ho alcun dubbio: Volley Pesaro è una bella squadra”.

Che è passata da un progetto imperniato sulle giovani a uno che confida in giocatrici più esperte.
“Mi pare che la squadra precedente abbia disputato un buon campionato. E’ normale che nei momenti delicati l’esperienza può essere più utile a gestire la pressione. Anche perché i playoff di serie B1 sono molto difficili. Arrivano dopo una lunga stagione e in pochi giorni decidono le sorti di una squadra. Nei fatti sono un campionato a parte…”. Volley Pesaro, dopo avere mancato i playoff 2013/14, confida di vincere i prossimi. E non lo nasconde. Non l’ha nascosto neppure Diletta Sestini.

Lunedì, la centrale toscana ha avuto il primo contatto con la nuova realtà.
“Da sei anni partecipo al campionato italiano di Sand Volley 4 x 4. Lo scorso fine settimana eravamo a Riccione e ne ho approfittato per venire a Pesaro. Ho incontrato Barbara e Matteo, ma anche Sorbini. Ci siamo conosciuti e abbiamo scambiato due chiacchiere”.

Come è stato l’impatto?
“Molto molto positivo, ma non avevo alcun dubbio. Sono davvero molto contenta. Ho visto che l’ambiente è tranquillo e penso che si possa lavorare bene e vincere”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>