Granaiola si presenta: “Io e la Vis insieme per tornare in C”. Il 30 luglio amichevole col Carpi, venerdì il nuovo attaccante

di 

16 luglio 2014

PESARO – “Un gol al Fano l’ho già fatto”. Marco Granaiola, 24 anni, ex capitano del Celano, si è presentato oggi a tifosi e stampa. Leonardi l’ha definito un “falso vecchio” anche, al confronto della restante rosa della Vis, ad oggi, è il giocatore più anziano. Dovrebbe restarlo per poco: questo giovedì verrà presentato il centrocampista Vita, classe 94, ex Fermana, ma venerdì sarà la volta dell’attaccante che, probabilmente, arriverà dalla vicina Romagna. Resta comunque una Vis dalla rosa giovanissima: la speranza è che da qui a fine agosto (il campionato inizia il 7 settembre) la Vis trovi nuovi sponsor e magari qualche offerta speciale over per un altro centrocampista e un’altra punta. E chissà che anche Foiera, alla fine, non torni a casa: un portiere della sua esperienza sarebbe comunque un valore aggiunto.

La Vis oggi, col 4-4-2, giocherebbe così:

Osso (’95); G.Dominici (’94), X, Pangrazi, Rosati (’96); Bartolucci (’95), Vita (’94), Granaiola, Bugaro; X, Rossini.

Granaiola e il presidente Pandolfi

Granaiola e il presidente Pandolfi

GRANAIOLA: “Ecco perché ho scelto la Vis”

 

“Hanno pesato nella sua scelta altre considerazioni – ha spiegato Leonardi, in compagnia del presidente Pandolfi -, quando uno rimane tanti anni in una stessa società è un valore aggiunto. Lui a Celano è rimasto per 4 anni, ne è stato anche capitano. Precedentemente ha militato in Olbia ed Empoli. Vanta oltre 100 partite in C2 e oltre 50 in D: una garanzia. E’ stato macchiato di una squalifica nel 2013 di 10 giornate per una espulsione contro Termoli? Non è un santo ma in quel caso si sacrificò al posto di un compagno di squadra: l’arbitro, non vedendolo, segnò il suo numero visto che era il capitano. E’ comunque un giocatore di temperamento, ce lo ricordiamo nel 2-2 del Celano in rimonta contro la Vis. Ci vuole un giusto mix, in una squadra, tra tecnica e temperamento. Lo ringrazio per aver accettato la Vis: poteva scegliere altre soluzioni. Speriamo in tante stagioni insieme. Adesso parte altro progetto: speriamo sia uno dei nostri protagonisti e che diventi pesarese”.

Nativo di Pietrasanta, vicino Viareggio, cresciuto nelle giovanili dell’Empoli. “Sono rimasto nel Cuoipelli (stessa squadra dell’ex biancorosso Vezzosi, ndr) in C per 2 anni mentre a Empoli ero stato capitano della Primavera. Poi è arrivata l’esperienza ad Obia, infine Celano: due stagioni in C, poi dopo la retrocessione la società mi ha chiesto di rimanere per una questione immagine. Mi sarebbe garbato di riportare il Celano in C. Non siamo riusciti. Oggi c’è nuovo cambiamento. Il direttore è stato subito convincente, avevo chiesto 2-3 giornni per pensare ma in cuor mio avevo subito accettato. Ho sentito compagni che mi hanno parlato benissimo della Vis, una società sana, sono molto contento di essere qui, non vedo l’ora di iniziare. Rischio di essere il più vecchio nonostante sia del 1990?Era la stessa domanda dello scorso anno a Celano. Il mio atteggiamento non cambia: spero che qualche giovane mi possa seguire se il mio atteggiamento sarà giusto. Io do sempre tutto”.

Ridolfi e Torelli salutati dalla Vecchia Guardia

Ridolfi e Torelli salutati dalla Vecchia Guardia

Corsi e ricorsi. “Dieci anni fa giocavo nei dilettanti al Margine Coperta, a febbraio, arrivo Leonardi allora direttore della Fiorentina: mi chiamò, si raggiunse l’accordo con la Fiorentina ma poi cambiò la gestione (alla Fiorentina arrivò Corvino, ndr) e io decisi di cambiare e andai ad Empoli. Leonardi non se lo ricordava… Glielo ha ricordato mio babbo”.

Professione tuttocampista. “Solo per emergenza ho giocato da terzino destro, ma anche esterno d’attacco – racconta Granaiola – Mi adatto a “braccetto”, ovvero mezzala, o perno basso dei tre o a due. Curo ambedue le fasi. So del progetto giovani, perché negli ultimi anni alla Vis è stato quello. E mi va bene. Obiettivo? Mi è piaciuta la società e mi è piaciuto l’ambiente, piazza importante: è ideale come trampolino di lancio per risalire in C. Meglio se con la Vis. Mister Possanzini non l’ho conosciuto ma ho sentito parlare solo bene di lui. Non vedo l’ora di iniziare. Avevo già deciso e comunicato al Celano che eravamo arrivati alla fine. Avevo bisogno di un altro progetto”

Il saluto degli ultras della Vecchia Guardia. Balduini: “In bocca al lupo. Speriamo che il direttore inventi qualcosa di buono anche quest’anno”. Granaiola: “Tifosi fondamentali. In Serie C ho segnato al Fano… Mi piacerebbe rifare gol ai granata? Preferirei arrivare davanti a loro in classifica”

Ridolfi e Torelli con la maglia del Carpi: per i due ex vissini primo giorno di scuola

Ridolfi e Torelli con la maglia del Carpi: per i due ex vissini primo giorno di scuola

Confermata l’amichevole a Urbino col Carpì, il 30 luglio, allo Stadio Montefeltro: orario da definire. Da definire anche la data della presentazione. Mercoledì prossimo consueto pranzo con la stampa.

Oggi, intanto, primo giorno di lavoro col Carpi per Ridolfi e Alberto Torelli. I tifosi li hanno salutati l’altra sera, Leonardi li ha spronati con un sms: “Per me, in quella categoria, siete solo di passaggio. Potete arrivare pià in alto. Servono solo convinzione e umiltà”.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>