GP di Germania, Rosberg profeta in patria, conferma Williams, Hamilton a muro

di 

20 luglio 2014

Sono iniziate con il botto in tutti i sensi le qualifiche del G.P.di Germania a Hockenheim, ne sa qualcosa Hamilton protagonista in Q1 di un uscita di strada causata dal mal funzionamento dei freni, impatto violento alla curva Sachs per Lewis, uscito comunque illeso dalla sua Mercedes.

L’altro lampo è di Rosberg che si candida ad essere il protagonista del “suo” G.P., proseguendo nel momento positivo che la Germania sta vivendo nello sport come nella politica ed economia.

Comunque il fresco sposo Nico, ha sul collo il fiato di una Williams che da alcune gare è diventata la spina nel fianco della Mercedes, la squadra di Sir Frank ha trovato in Bottas il giovane con il potenziale del campione e nel “maturo” Massa l’uomo guida d’esperienza. Il distacco fra il poleman Nico e Bottas è di pochi millesimi, forse la Mercedes accusa più della Williams l’abolizione del sistema” Fric” che agiva sulle sospensioni. Indifferente a qualsiasi novità o modifica di regolamento è la Ferrari, nel suo standard , (basso,n.d.r.), di questa stagione -Alonso 7°, Raikkonen 12°- auguriamoci che lo spagnolo possa ripetere una gara spettacolare come quindici giorni fa a Silverstone lottando con Vettel che lo precede nella griglia. Questa Formula Uno tanto discussa e senz’altro deludente oltre a qualche sprazzo di gran premio entusiasmante, sta creando giovani talenti come più volte segnalato anche da PU 24, ad Hockenheim oltre a Bottas si è rivisto un Kevin Magnussen in gran forma ottimo quarto con la McLaren, il sempre positivo russo Kvyat, che quando riesce a bilanciare la sua Toro Rosso è sempre nei top ten, un pò in ombra Riccardo, forse appagato dalla vittoria in Canada, ma comunque davanti al blasonato compagno Vettel, e senz’altro la rivelazione fin qui più eclatante del 2014.

Oggi dalle 14 facendo un paragone calcistico, vediamo se la Germania di Rosberg avrà ragione della rivelazione Finlandia di Bottas o il “bastonato” Brasile di Massa si vendicherà, per noi che ormai siamo stati esclusi da tempo, nel senso di piloti, la nostra nazionale Rossa guidata dallo spagnolo Alonso speriamo possa almeno superare i “quarti”.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>