Accademia Rossiniana, visibilmente soddisfatto il maestro Zedda perdona anche il grande assente, il pubblico pesarese

di 

21 luglio 2014

PESARO – Non è stata solo una nostra impressione: l’Accademia Rossiniana che si è conclusa venerdì scorso con il concerto finale è entrata nella storia del “seminario permanente di studio sui problemi dell’interpretazione moderna diretto da Alberto Zedda nell’ambito del quale, negli anni, è stata formata un’intera generazione di nuovi talenti che a Pesaro hanno rifinito il proprio bagaglio tecnico, musicale e culturale.

Giustamente contento il deus ex machina di un appuntamento che non ha eguali. Eppure, quando abbiamo intercettato il maestro Zedda, eravamo solo all’intervallo, al termine della prima parte.

“Abbiamo presentato voci molto importanti…”.

I protagonisti dell’Accademia Rossiniana 2014 (Foto Amati Bacciardi)

I protagonisti dell’Accademia Rossiniana 2014 (Foto Amati Bacciardi). Clicca per ingrandire

In verità, in passato, non tutti gli allievi avevano convinto, magari pagando anche l’emozione. Quest’anno, tutti bravi, bravissimi, quasi una sfida a chi è più bravo.

“E credo che nella seconda parte andremo ancora in crescendo…”.

L’unico problema è il pubblico pesarese, assente. Altro che “città della musica!”.

“Forse è mancata un po’ di informazione… Siamo in un periodo un po’ strano: è finita la stagione normale, non è ancora incominciato il Rof…”.

Soli 10 euro per un biglietto che offre l’opportunità di seguire un concerto che dura poco meno di tre ore, regalando una bellissima serata…

“Ma non è per quello… Forse i pesaresi non lo sanno o magari erano convinti di chissà cosa, che sia un semplice concerto di studenti, e invece ci sono dei cantanti di prima categoria che risentiremo in un altro contesto, molto diverso”.

Maestro Zedda, lei ha raccolto diciannove voci che rappresentano il futuro del belcanto.

“Io credo che cinque-sei di queste che gireranno il mondo, ma torneranno a Pesaro”. Dove del resto l’edizione 2014 del Rossini Opera Festival propone dieci allievi delle passate edizioni.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>