La Fondazione Scavolini ha ultimato il restauro della Chiesa vecchia di Santa Veneranda

di 

23 luglio 2014

PESARO – Proseguendo la politica di attenzione al patrimonio culturale del territorio pesarese, la Fondazione Scavolini ha condotto un intervento di recupero dell’antica chiesetta di Santa Veneranda. Si tratta di un piccolo edificio in mattoni con campaniletto a vela, detto la Pieve Vecchia, simbolo della frazione in cui sorge; esso venne eretto nel 1607 ed è collegato ad un arco in muratura che segnala l’accesso all’abitato.

Chiesa Vecchia Santa Veneranda: il restauro

Chiesa Vecchia Santa Veneranda: il restauro

La chiesa è dedicata ad una santa il cui culto era popolare fra le popolazioni slave e la sua presenza è probabilmente connessa all’immigrazione slava e balcanica che ebbe luogo nel XV secolo verso le Marche; testimonia verosimilmente l’esistenza di una comunità di dalmati, insediata appunto nella località chiamata Santa Veneranda.

Al suo interno è ancora presente un ricco apparato decorativo. In primo luogo un elaborato altare con decori architettonici in legno e stucco, datato 1616, che incornicia al centro un affresco quattro-cinquecentesco, raffigurante una Madonna con bambino, San Sebastiano e Santa Veneranda, qui trasportato da una scomparsa celletta e restaurato in passato ad opera dell’Assindustria. Inoltre, al di sopra dell’accesso originale, è presente una cantoria lignea, che accoglieva l’organo, il cui parapetto offre anch’esso un bel dipinto raffigurante il martirio della santa fra girali vegetali.

Dopo l’erezione di una nuova sede parrocchiale avvenuta nel 1972, la vecchia chiesetta è stata lentamente abbandonata ed è sopraggiunto il totale degrado, recentemente favorito anche dalle vibrazioni prodotte dal traffico a dagli urti degli autocarri con la struttura dell’arco a cui la chiesa è collegata.

La Fondazione Scavolini ha condotto un vasto programma di interventi, sia di consolidamento della struttura muraria che di recupero degli apparati decorativi interni. I primi sono stati effettuati dalla impresa ICOR DORICA, con sede in Piobbico; i secondi dal laboratorio Il Compasso di Michele Papi, di Urbino. Particolare attenzione è stata dedicata al recupero degli elementi pittorici e decorativi originali, così da riportare la struttura alla vivace cromia che la segnava in origine e restituire la gioiosa atmosfera di una chiesa di campagna, espressione viva della religiosità popolare e elemento di identità per una comunità contadina.

La chiesetta verrà aperta al pubblico venerdì 25 luglio alle ore 18,30, nell’ambito della ‘Festa del Basilico’, i tradizionali festeggiamenti a cui la comunità parrocchiale da vita intorno all’ultima domenica di luglio, giorno dedicato alla memoria liturgica di Santa Veneranda vergine e martire.

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>