Segnali di ripresa? Forse ma l’occupazione in provincia batte ogni record negativo: 874 mila ore di Cig a giugno

di 

24 luglio 2014

PESARO – Segnali di ripresa? Forse, ma non sull’occupazione, ovvero sul ricorso agli ammortizzatori sociali che, nel primo semestre 2014, ha battuto un altro record negativo. Ha superato il valore del 2009 considerato l’annus horribilis della crisi economica.

Dai dati INPS, infatti, elaborati dall’IRES CGIL Marche emerge che le ore di CIG richieste ed autorizzate in provincia di Pesaro Urbino a giugno 2014 sono state 874mila, di cui 144mila di Cassa integrazione ordinaria, 497mila di CIG straordinaria e 233mila di Cassa in deroga.

La situazione in provincia di Pesaro Urbino alla fine del primo semestre 2014 continua ad essere critica dal momento che le ore di CIG continuano ad aumentare.

A giugno le ore di CIG sono aumentate rispetto al mese di maggio del 5,5% e rispetto al giugno 2013 del 27,8%, soprattutto nella componente straordinaria.

Stessa dinamica se si considera il monte ore di CIG richieste ed autorizzate complessivamente da gennaio a giugno: +37,9% rispetto al primo semestre 2012 e +29,4% rispetto al primo semestre 2013.

 

La CIG straordinaria aumenta in modo consistente nel primo semestre 2014 rispetto a quello 2013 nei settori della meccanica (+77,4%, 729mila ore nel 2014), dell’arredamento (+78,9%, oltre un milione di ore nel 2014) e della chimica (da 71mila a 364mila ore).

 

La CIG in deroga risulta stabile per arredamento e meccanica e in aumento per chimica (+35,1%, 121mila ore nel 2014) e calzaturiero (ore triplicate).

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>