Milano-Fano, treno della droga: i carabinieri arrestano due corrieri (un palestinese e un tunisino)con 200 grammi di eroina

di 

28 luglio 2014

Nei primi di maggio di quest’anno un 22enne di San Lorenzo in Campo (PU), dopo aver assunto una dose di eroina tagliata male è entrato in overdose mentre era alla guida della propria autovettura. Il malore faceva perdere il controllo del mezzo che finiva in fondo ad un burrone. Ritrovato dopo 24 ore in condizioni disperate è stato ricoverato in prognosi riservata.

Immediatamente sono scattate le indagini volte a risalire all’identità dello spacciatore. L’attività consentiva di individuare una rete di soggetti gravitanti nella stazione di Fano dediti allo spaccio di eroina. Effettuati innumerevoli arresti di spacciatori operanti in area, nel prosieguo dell’indagine è stato possibile individuare il canale di approvvigionamento dello stupefacente.

In particolare si è scoperto che l’eroina giungeva a Fano proveniente da Milano, piazza di riferimento per le droghe pesanti.

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di San Lorenzo in Campo e il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Fano hanno concentrato le attenzioni su un cittadino tunisino visto spesso incontrarsi con i pusher nel frattempo tratti in arresto.

Nel corso di tale attività, effettuata con pedinamenti e servizi di osservazione, si accertava che il magrebino, insieme ad un cittadino palestinese, era solito recarsi in treno, una volta ogni due settimane, nel capoluogo lombardo.

Intuendo che la “trasferta fosse finalizzata al reperimento di droga da rivendere, dopo un “generoso” taglio con sostanze spesso nocive (vedasi l’overdose), nella zona del fanese, i Militari decidevano di intervenire per fermare i due stranieri sulla via del ritorno.

Al termine di un lunghissimo pedinamento, Fano-Milano andata ed immediato ritorno, i due corrieri, giunti a destinazione, scendevano dal treno per poi incamminarsi, ognuno per proprio conto, verso l’uscita. Bloccati e sottoposti a perquisizione, nello zainetto venivano trovati 5 ovuli contenenti “eroina”, di ottima qualità, del peso complessivo di circa 200 grammi.

B.K. 28enne palestinese e H.H. 32enne tunisino venivano tratti in arresto e condotti presso la Casa Circondariale di Pesaro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>