Gabellini: “Dai precedenti amministratori solo parole, quelli attuali mi auguro siano più… Seri”

di 

1 agosto 2014

FANO – La stagione dell’Alma Juventus Fano quest’anno è iniziata con i migliori auspici. La rosa, sulla carta molto competitiva, è stata allestita in netto anticipo rispetto al 2013, è stato organizzato il ritiro in un centro all’altezza della situazione come è Pitinum Thermae di Macerata Feltria e, dopo due anni di “pausa”, è stato ricostruito il settore giovanile in tutte le sue categorie. Ci sarebbe di che gioire se non fosse per i rapporti con il Comune di Fano.

Da sinistra Cordella, Gabellini, Canestrari e Sara Parroni

Da sinistra Cordella, Gabellini, Canestrari e Sara Parroni

Pessimi quelli con la giunta Aguzzi, da decifrare la volontà dell’attuale Amministrazione. “All’inizio dello scorso anno calcistico Aguzzi e soci ci hanno fatto un sacco di pubbliche promesse, dalla copertura dell’iscrizione al campionato (!) al supporto su alcuni aspetti organizzativi – racconta il presidente dell’Alma Juventus Fano Claudio Gabellini – ma tali sono rimaste (nonostante le ripetute, direi continue, sollecitazioni dell’Alma). Poi ci hanno confezionato il contentino pre-elettorale firmando una delibera di giunta, alla fine di maggio, per stanziarci un finanziamento che altro non era che una dichiarazione di intenti, senza la dovuta previsione in bilancio. E’ una situazione grave, una vera presa per i fondelli”.

A questo punto, però, entrano in scena i nuovi amministratori, ed in particolar modo il sindaco Massimo Seri. Sindaco che sull’Alma Juventus Fano ha sempre speso belle parole ma che, per il momento, non ha ancora preso una posizione precisa nei confronti del sodalizio granata anche se in passato aveva dichiarato pubblicamente la volontà di “salvaguardare il patrimonio Alma”.

Nel maggio 2013, da assessore provinciale allo Sport, Seri aveva infatti criticato la giunta Aguzzi proprio perché non aveva manifestato il suo sostegno all’Alma Juventus Fano e durante la campagna elettorale aveva lasciato dichiarazioni molto precise ad un sito internet (fanosport.net): “L’Alma Juventus Fano – aveva detto Seri – è un’importante realtà, un patrimonio dello sport cittadino. Il mio impegno sarà quello di rafforzare i rapporti tra amministrazione e società, un progetto che si inserisce nel più ampio obiettivo di creare una relazione migliore tra il Comune e tutte le realtà sportive del territorio. Da sindaco mi impegnerò in un lavoro di sensibilizzazione verso gli imprenditori che hanno la possibilità a sostenere il progetto Alma. Per una squadra sempre più competitiva e solida”.

Ecco perché è lecito, a questo punto, attendersi un comportamento diverso dall’attuale Amministrazione. “Mi auguro che la giunta Seri non faccia come la precedente – riprende patron Gabellini – e dimostri, con i fatti, di tenere veramente all’Alma Juventus Fano e alla sua storia. Una storia che continua a vivere perché fino ad oggi, come società, abbiamo sempre pagato quello che c’era da pagare e mantenuto fede alle promesse prese. L’amministrazione Aguzzi, con la deliberà di maggio, si è presa un impegno importante con la nostra società. Un impegno che ha condizionato i nostri investimenti e che quindi, in un modo o nell’altro, ci auguriamo venga rispettato da chi oggi è al governo della città. Io per primo, da imprenditore, so che in questo momento storico le disponibilità finanziarie sono limitate e la crisi è una morsa sempre stretta, ma so anche che la ripartizione delle risorse è frutto di scelte e di considerazioni ben precise. La giunta Seri ha la possibilità di dimostrare quanto tenga all’Alma Juventus Fano, mi auguro che faccia le giuste valutazioni”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>