“Vitalità e colore”: la personale di Gilberto De Rossi a Gradara

Gilberto De Rossi

Gilberto De Rossi

GRADARA – Dall’astrattismo a paesaggi incontaminati e vibranti, fondali infiniti e profondi, esplosioni di luce, poi fiori vitali, mutazioni cromatiche, rive del mare con barche oltre le quali è possibile scorgere l’orizzonte, la libertà: tutto questo e molto altro nella Personale “Vitalità e Colore” di Gilberto De Rossi, artista romano che dal 28 agosto al 14 settembre farà tappa a Gradara.

Ultima mostra del pittore 83enne che attualmente vive a Tavullia, ma si sposterà a Roma l’anno prossimo, che ha fatto dell’arte la sua vita, la sua grande passione. Dopo la Scuola d’arte De Rossi inizia a creare, spostandosi da Roma alla Puglia, poi Rimini e le colline pesaresi, ma conosce la vera affermazione pittorica intorno agli anni ’70 e ’80. Presso la Bottega dell’Arte nel Centro Storico, con la collaborazione della BCC di Gradara, saranno esposti 70 suoi quadri di diverse forme che narrano emozioni, vissuti, intime commissioni e storie dell’artista, trasposti su tela dagli anni ’70 ad oggi. Comunicare attraverso i pennelli, olio, acrilico, cementite, combinazioni di più di quaranta colori che danno vita ad una moltitudine di soggetti, a sottolineare l’eclettismo pittorico. Proiezioni di sensazioni, stati d’animo vissuti dall’artista, gioie e turbolenze che sgorgano dall’opera nella quale è un piacere immergersi. “L’arte mantiene giovani –spiega De Rossi- la mia mano segue l’inventiva, ricordi del passato e immagini quotidiane sono la mia fonte d’ispirazione”.

La mostra è aperta dal 28 agosto al 14 settembre dalle ore 16 alle 22, la domenica mattina e pomeriggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  1. Ciao zio, sono Bruno. Papà vorrebbe sentirti dopo tutti questi anni. Mi mandi il tuo numero di cellulare così ti contatto? Grazie. Un abbraccio