Carrabs parla di emergenza clima: “In pochi mesi caduto il 90% delle piogge di tutto il 2014. Urge piano di adattamento e mitigazione”

di 

5 marzo 2015

Carrabs

Carrabs

Gianluca Carrabs*

PESARO – Urge un piano di adattamento e mitigazione ai Cambiamenti Climatici che deve vedere la Regione Marche, in prima linea, bisogna attuare idonee politiche ambientali in piena sinergia con le altre regioni italiane e con l’Unione Europea.

Il 2014 è stato un anno record per le temperature: il più caldo, per le Marche dal 1961, con un valore medio di 14,5°C .

Il 2014 è stato anche più piovoso rispetto alla norma, come i due anni precedenti: sono state registrate precipitazioni di 1007 mm, con un incremento del 20% rispetto al valore del quarantennio, in particolare nella Provincia di Pesaro e Urbino che ha addirittura raggiunto il 90%. Quello appena concluso è stato il settimo anno più piovoso dal 1961, ma il record aspetta ancora al 1976 con 1212mm. Sono sempre maggiori le violente precipitazioni.

“Grazie al lavoro svolto quotidianamente dall’ASSAM – sottolinea Carrabs – oggi siamo in grado di capire la gravità in cui versano non solo le Marche ma tutto il nostro Paese. L’emergenza clima è sempre più drammatica e non agire è da irresponsabili. Oggi siamo tutti costernati davanti alla tragedia, ma non possiamo agire solo a ridosso dell’onda emotiva. Quindi, sia come Regione Marche ma anche e soprattutto come Paese Italia, urge prevedere un piano di adattamento e mitigazione; il piano del clima della Regione Marche risale al 2010, bisogna rinnovarlo e tener presente di questi nuovi e allarmanti dati. Si devono incentivare tutti i Comuni delle Marche che hanno aderito al Patto dei Sindaci e che hanno come obiettivo comune quello di individuare misure che contrastino i cambiamenti climatici”.

Fino a qualche anno fa i Verdi venivano screditati e derisi quando lanciavano l’allarme sui cambiamenti climatici; ma oggi, purtroppo, si avvera ciò che era stato previsto: il nostro Paese crolla letteralmente a causa dei cambiamenti climatici. Non bisogna indignarsi solo quando purtroppo c’è la morte di una persona o quando ci sono i problemi, ma bisogna intervenire subito, ovunque è necessario, per evitare danni irreparabili e perché prevenire costa 10 volte meno che intervenire post calamità.

*Politico, amministratore unico Assam, Agenzia per i Servizi nel Settore Agroalimentare delle Marche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>