Paolini (Lega): “Lo speronamento del metronotte? Un salto di qualità della criminalità”

di 

5 marzo 2015

Luca Rodolfo Paolini (Lega nord)

Luca Rodolfo Paolini (Lega nord)

Luca Rodolfo Paolini*

FANO – Il furto di rame alla ditta Mancini è, di per sé, cosa grave. Non siamo più alla sottrazione di cavi abbandonati lungo le linee ferroviarie,  ma all’attacco pianificato ad una ditta in zona artigianale, sempre trafficata, dotata di sistema d’allarme e collegata al pronto intervento vigilanza.

Qui è successo qualcosa di più: i ladri non hanno esitato un secondo a speronare il metronotte, che avrebbe potuto anche essere gravemente ferito o ucciso! E’ un salto di qualità. Lo “speronamento” era una tecnica che, 15 anni fa, attuavano sistematicamente i banditi della Sacra Corona Unita contro le auto della Guardia di Finanza che li intercettavano con merce di contrabbando. Erano Suv rinforzati con piastre di acciaio e  vetri blindati, fatti per terrorizzare, accada quel che accada, gli uomini delle forze dell’ordine.

Oggi la stessa tecnica è stata usata a Fano.

Ora 5 considerazioni:

a) Le leggi attuali sono inadeguate. I banditi oggi, sanno che non rischiano nulla ma, anzi, se per caso il cittadino o il poliziotto li uccide o ferisce… useranno le nostre leggi e i nostri tribunali per ottenere addirittura il risarcimento.

b) Cambiare le norme di ingaggio, rendendole adatte ai tempi: se non ti fermi sono autorizzato a sparare senza incorrere in alcuna sanzione.

c) Il carcere per i recidivi di certi reati deve essere vero, duro, lungo ed effettivo. Eliminare ogni beneficio penitenziario per chi osa giocare così con la vita o l’incolumità altrui… per soldi.

d) Cambiare subito, con decreto, le norme sull’abuso di legittima difesa, (c’è già un progetto di legge della Lega depositato) semplicemente cancellandolo: sei a casa mia, riesco a difendermi, la adeguatezza della legittima difesa deve essere presunto salvo casi di abuso più che manifesto.

e) fuori senza pietà tutti i clandestini e tutti coloro che sono in Italia senza poter dimostrare di avere un lavoro e un reddito leciti, come fanno in Svizzera, Austria, Germania, eccetera. Basta accettare, come scusa, il “mi arrangio”.

L’alternativa è rassegnarci a vivere sempre più nel terrore e nella impotenza. Che significa la fine dello Stato di Diritto!

*Lega Nord

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>