Estorsione a un imprenditore fanese, un arresto e due persone denunciate

di 

6 marzo 2015

FANO – Un’operazione condotta dalla Compagnia Carabinieri di Fano ha portato alla individuazione degli autori di un’estorsione ai danni di un imprenditore fanese. Un camion Iveco Daily del valore di 33.000 euro era stato rubato nello scorso ottobre a un imprenditore di Fossombrone: poi, gli avevavano proposto di riaverlo per 3000 euro. Lui, ha denunciato tutto ai carabinieri che, dopo un’articolata indagine, hanno incastrato i colpevoli, padre e figlio, di Caserta: Armando Diana, 50 anni, e suo figlio Adriano, 20. Il primo lavorava come operaio nella ditta a cui aveva poi rubato il furgone: aveva denunciato il furto ma in realtà, secondo quanto emerso, aveva architettato quello che  in gergo si chiama “cavallo di ritorno”. Un mese dopo il furto, ha fatto chiamare l’imprenditore da un suo complice con la richiesta specifica di un intermediario. Ovvero, lui stesso. L’imprenditore non ha abboccato e ha denunciato tutto ai carabinieri che, nell’operazione, hanno arrestato (ora è ai domiciliari) Armando Diana e hanno imposto l’obbligo di firma al figlio. Denunciata anche una terza persona che, secondo le indagini, avrebbe preso parte all’estorsione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>