Comune, Cna e Confartigianato alla Regione: «Più risorse per ripascimenti e scogliere o stagione a rischio»

di 

10 marzo 2015

PESARO – «Molti stabilimenti balneari rischiano di saltare la stagione senza le risorse per i ripascimenti e gli interventi di manutenzioni strutturali sulle scogliere», avvertono Comune, Cna e Confartigianato. Che in una lettera indirizzata al governatore Gian Mario Spacca – firmata da Matteo Ricci, Antonio Bianchini (Cna balneatori) e Andrea Giuliani (Oasi Confartigianato) – chiedono di «incrementare notevolmente il finanziamento regionale destinato annualmente al Comune di Pesaro».

Le motivazioni: «Abbiamo già comunicato l’ammontare dei danni subiti dalle imprese balneari pesaresi e dalle attività turistico-ricreative, dopo la mareggiata dello scorso febbraio». L’esigenza del Comune e delle associazioni di categoria? «Non solo ottenere il giusto risarcimento, con il riconoscimento dello stato di calamità, ma anche e soprattutto riuscire a ripristinare gli arenili, in concessione e non, in tempo utile per l’inizio della stagione balneare». Infatti: «La stragrande maggioranza degli stabilimenti ha perso profondità e spessore. E’ facile riscontrare il dislivello tra i manufatti e la linea di battigia che, in molti casi, supera un metro di altezza». E i danni più rilevanti «si sono avuti nei tratti dove le scogliere non esercitano più la loro funzione di barriera». Di qui, l’istanza: «Essendo stati ridotti negli anni i finanziamenti destinati agli interventi strutturali, alla realizzazione di nuove scogliere e alla manutenzione di quelle esistenti, oltre che ai ripascimenti, si chiede un notevole incremento di risorse, considerata la situazione e l’eccezionalità degli eventi».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>