Arrigoni, via Massimi e i piccioni incontinenti: “Residenti esasperati e ignorati”

di 

11 marzo 2015

Fabio Arrigoni*

PESARO – Dunque passa in consiglio comunale la proposta di vendita di quote di Marche Multiservizi. Il Comune aliena il 2,5 % dell’attuale partecipazione. Il sindaco Matteo Ricci si esprime così: “Riqualifichiamo lungomare e area Palla di Pomodoro”. Letta così, potrebbe sembrare una cosa anche positiva, se non fosse che viene da chiederci, e da chiedere ai cittadini di buona memoria, quante volte è stata modificata quella zona della città, quell’arredo urbano, peraltro divelto più volte dalle intemperie negli ultimi due-tre anni.

L’immagine della città è sicuramente importante, ma è importante anche il benessere e la salute dei cittadini residenti in tutto il territorio comunale. Come al Matteo Nazionale, anche al Matteo Comunale piacciono gli annunci, piacciono i grandi proclami, che poi cadono puntualmente nel vuoto qualche giorno dopo averli fatti…. Cosi “il sindaco di tutti” – come si era definito in campagna elettorale – si dimentica di molte zone della città, tirando a lucido giusto quelle di passaggio e più in vista, trascurando o letteralmente abbandonando quelle dove si presenta solo occasionalmente per chiedere il voto.

Piccioni incontinenti in via Massimi

Piccioni incontinenti in via Massimi

Via Massimi è una via del centro storico, centralissima ma nascosta; è la via dove si affaccia un’ala della Biblioteca comunale San Giovanni. Lo dico giusto perché magari alla giunta comunale – sindaco compreso – potrebbe sfuggire l’esatta ubicazione. Lo dico perché da mesi e mesi i residenti degli appartamenti che si affacciano sul parco della fondazione Scavolini lamentano l’invasione dei piccioni che sommergono di deiezioni il ballatoio del complesso abitativo senza ricevere alcuna risposta dagli organi preposti. Le case appartengono al Comune, ma né il Comune né l’Erap si sono fatti carico di risolvere una situazione del tutto insostenibile considerando che tra i residenti del complesso vi sono numerose persone con patologie respiratorie serie e in alcuni soggetti di particolare gravità.

Piccioni incontinenti in via Massimi

Piccioni incontinenti in via Massimi

Dunque da mesi e mesi i residenti scrivono lettere, lanciano appelli su appelli, si recano personalmente o telefonano agli uffici comunali per segnalare una situazione indecorosa e di pericolo senza che nessuno risponda o intervenga. La signora Intonti, esasperata come gli altri condomini, è arrivata addirittura ad usare la pagina Facebook del sindaco, dato che spesso il sindaco usa detta pagina per mettere al corrente i suoi “tifosi” delle presenze televisive che affronterà, ma oltre a non ricevere alcuna risposta si vede addirittura cancellare i post e i commenti a lui rivolti come ultima speranza di far sentire la propria voce e quella degli altri condomini residenti.

Il condominio di via Massimi interessato dalle deiezioni dei piccioni

Il condominio di via Massimi interessato dalle deiezioni dei piccioni

Riusciranno questa volta i condomini di via Massimi ad avere l’attenzione che meritano riguardo ad un problema serio, seguito da un intervento risolutivo?

Vede signor sindaco, non credo basti promettere di multare i piccioni incontinenti, ci auguriamo che si intervenga con la stessa solerzia con la quale si è presentato alla biblioteca San Giovanni a chiedere il voto.

*Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Pesaro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>