Lavori in corso ai Musei Oliveriani: restauro e bonifica ambientale, ripensati arredo e percorso cultural-didattico

di 

20 marzo 2015

Musei OliverianiPESARO – Dopo mesi di accurata progettazione preliminare, sono iniziati gli attesi lavori di restauro dei materiali archeologici e di bonifica ambientale nei Musei Oliveriani, che si concluderanno con il riallestimento delle sale espositive del museo di via Mazza; i lavori intrapresi comporteranno infatti una nuova dislocazione degli oggetti del museo archeologico, che viene parzialmente ripensato sia come arredo, sia come percorso culturale e didattico.

Nei prossimi mesi i Musei Oliveriani saranno dunque chiusi e anche la corte di palazzo Almerici soffrirà di qualche ingombro: ma a lavori completati Pesaro potrà finalmente vantare un museo archeologico di prim’ordine.

L’iniziativa si è resa possibile per una favorevole serie di circostanze. Il Ministero per i Beni e le attività culturali ha stanziato un congruo contributo grazie ai fondi residui del “gioco del Lotto”; il Comune di Pesaro e la Provincia di Pesaro e Urbino hanno stanziato proprie somme per gli interventi di bonifica ambientale; la Fondazione Scavolini ha finanziato il restauro di alcuni corredi rinvenuti nel corso degli ultimi scavi condotti presso la necropoli picena di Novilara, che verranno poi esposti nella sala del museo relativa all’età del Ferro. Una sorpresa è venuta dall’Ufficio Cultura della Confederazione Elvetica che, accogliendo un progetto elaborato dalla Soprintendenza per i Beni archeologici delle Marche, ha finanziato il restauro di gran parte dei corredi provenienti dalle ultime ricerche effettuate a Novilara.

Davanti a questa fortunata serie di circostanze, preso atto della disponibilità della Soprintendenza per i Beni archeologici delle Marche a intervenire con propri fondi e con il proprio personale tecnico e scientifico nel restauro e recupero del museo archeologico, il 22 dicembre scorso il consiglio di amministrazione dell’Ente Olivieri ha deliberato di affidare alla stessa Soprintendenza la direzione scientifica dei lavori. I lavori di bonifica ambientale sono invece realizzati sotto la supervisione del personale tecnico del Comune di Pesaro.

Un particolare ringraziamento ai diversi archeologi che si sono impegnati a titolo volontario nella catalogazione dei reperti conservati presso i Musei Oliveriani e ai volontari della sezione di Pesaro dell’Archeoclub.

Negli ultimi anni lo spazio museale di palazzo Almerici è stato più volte utilizzato per conferenze e per visite (solo da novembre a oggi il museo è stato visitato dagli studenti di 29 classi di Pesaro e provincia). Ma trattandosi di un intervento impegnativo, che riguarderà anche intonaci e pavimenti, i Musei Oliveriani sono ora chiusi al pubblico e tale rimarranno presumibilmente sino alla fine del 2015. L’Ente Olivieri si scusa per il disagio, peraltro nella consapevolezza che l’attesa sarà ben ricompensata: al termine dei lavori Pesaro avrà finalmente lo spazio museale e archeologico che i buoni cittadini auspicano da anni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>