Urbino contro le mafie: per la Giornata della Legalità anche un dibattito con Sabina Guzzanti

di 

21 marzo 2015

Giornata legalità a Urbino

Giornata legalità a Urbino

URBINO – Il 27 marzo ad Urbino si terrà la Giornata della Legalità, una giornata per informare i cittadini e far conoscere il fenomeno mafioso inteso non solo come organizzazione criminale ma anche come quel sistema che interessa tanto le grandi quanto le piccole realtà e che racchiude in sé tutti quei comportamenti illeciti come la corruzione, le tangenti, le speculazioni edilizie, eccetera che avvengono con la connivenza interessata dei ceti dirigenti e che hanno riempito le pagine di cronaca degli ultimi mesi, dallo scandalo Mose, a Mafia Capitale passando per l’EXPO.

L’evento, organizzato dall’associazione del M5S Urbino.org con il patrocinio del Comune di Urbino e della Provincia, ha lo scopo di sensibilizzare il più possibile l’attenzione dell’opinione pubblica su un tema di stringente attualità come quello della lotta alla mafia e delle implicazioni che le associazioni di stampo mafioso possono avere quando arrivano ad infiltrarsi nella pubblica amministrazione, negli appalti, negli ospedali e nelle istituzioni in genere.

La giornata avrà inizio alle 9.30 di venerdì 27 marzo, presso il collegio Raffaello di Urbino con la conferenza “Mafie in Italia, da Cosa Nostra a Mafia-Capitale” in cui interverranno l’avvocato Enzo Ciconte, professore di storia della criminalità organizzata, l’avvocato penalista Davide Grassi, che si è occupato di numerose inchieste su infiltrazioni mafiose e il senatore del M5S Mario Giarrusso, avvocato impegnato nella lotta alla mafia e attualmente membro della commissione parlamentare antimafia. Insieme approfondiranno il tema delle infiltrazioni mafiose nella pubblica amministrazione, illustrando l’evoluzione e le diverse forme di criminalità organizzata e la sua diffusione  nel nostro paese.

Nel pomeriggio l’evento proseguirà al cinema Ducale di Urbino dove dalle 17 è prevista la proiezione del docufilm “La Trattativa” di Sabina Guzzanti, film di denuncia sul rapporto Stato-Mafia di cui poco si è parlato nel momento della sua uscita nelle sale, a causa dello scomodo argomento trattato, ma che è tornato alla ribalta a seguito della sua proiezione alla Camera dei Deputati per volontà dei parlamentari pentastellati  dopo la quale è partito un tour di proiezioni e dibattiti disseminati per tutta Italia che ha fatto sempre registrare il tutto esaurito. Alla proiezione seguirà un incontro dibattito con la stessa Guzzanti che sarà a disposizione dei presenti per rispondere alle domande del pubblico. Presente al dibattito anche la deputata del M5S Giulia Sarti, impegnata da anni nella lotta alla mafia e componente della commissione giustizia e della commissione antimafia alla Camera (per info e prevendite www.urbino.org).

L’evento terminerà con una fiaccolata cittadina alle ore 21.30 in piazza della Repubblica in ricordo delle vittime delle stragi di mafia alla quale tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. A conclusione della fiaccolata interverrà, tramite un video messaggio, il magistrato Nino Di Matteo, pubblico ministero nel processo sulla trattativa Stato-mafia, costretto a vivere sotto scorta per le minacce di morte ricevute dal boss Totò Riina, per darci una testimonianza tangibile di cosa significhi oggi essere in prima linea nella lotta alla mafia (ancora da confermare la partecipazione Nino Di Matteo).

L’auspicio è quello che la Giornata della Legalità raccolga una sentita partecipazione da parte di tutti, cittadini e forze politiche con la speranza di vedere in prima fila tutti i nostri consiglieri comunali fino ad arrivare alle maggiori autorità locali, per dare un forte segnale di condivisione di quello che è l’intento della manifestazione, ovvero la lotta alle mafie e la promozione della legalità.

Il programma

• 9.30 presentazione della Giornata della legalità
Collegio Raffaello, Piazza della Repubblica – sala Raffaello
Sindaco Maurizio Gambini
Consigliere Emilia Forti
Prof. Gualtiero De Santi

• 10 conferenza: Mafie in Italia, da Cosa Nostra a Mafia-Capitale
Collegio Raffaello, Piazza della Repubblica – sala Raffaello
prof. Enzo Ciconte
senatore Mario Giarrusso
avvocato Davide Grassi
modera Andrea Cangiotti

• 17 proiezione film: La Trattativa di Sabina Guzzanti
Cinema Ducale, Via F. Budassi
avvocato Davide Grassi

• 19 dibattito
Cinema Ducale, Via F. Budassi
regista Sabina Guzzanti
deputata Giulia Sarti

• 21.30 fiaccolata
Piazza della Repubblica
video conferenza con Nino Di Matteo (da confermare)
consigliere Emilia Forti

Informazioni e prevendita biglietti per film “La trattativa”: www.urbino.org.

urbino.org una associazione del M5S Urbino

http://www.movimento5stelleurbino.it/urbino_org/

urbino.org@movimento5stelleurbino.it

MARIO MICHELE GIARRUSSO
Avvocato e Senatore della Repubblica Italiana. Nel corso della sua attività professionale si è occupato di recupero di beni confiscati alla mafia ed ha difeso pubbliche amministrazioni che avevano revocato appalti per infiltrazioni mafiose.
Ha collaborato con il giudice Antonino Caponnetto, fondatore del pool antimafia di Palermo, ed ha partecipato alla costituzione della fondazione a lui intitolata attraverso la quale si è occupato di lotta alla mafia e di legalità.
È membro dell’associazione Decontaminazione Sicilia, costituita dai alcuni movimenti cittadini siciliani di opposizione agli inceneritori e fautori della opzione rifiuti-zero (raccolta differenziata, recupero, riutilizzo e riduzione dei rifiuti), dove si è occupato degli aspetti legali e giuridici delle vicende degli inceneritori siciliani. È stato tra i fondatori della associazione rifiuti-zero Sicilia. Ha preso parte ai Vday, alle raccolte di firme per il parlamento pulito, alle battaglie referendarie sulla riforma costituzionale, contro la svendita dei beni comunali ed alla battaglia per la partecipazione diretta dei cittadini alle scelte dell’amministrazione comunale.
Eletto Senatore nel 2013 con il M5S, è membro della Giunta delle elezioni e delle immunita’ parlamentari, segretario della 2° Commissione Giustizia, Membro del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa e Membro della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

GIULIA SARTI
Laureata in Giurisprudenza con una tesi in diritto costituzionale, viene eletta deputata della Repubblica Italiana per il M5S nel 2013.
Fa parte dell’Associazione Casa della Legalità e della Cultura, impegnata nel contrasto alle mafie e nella collaborazione per inchieste sui reati contro la pubblica amministrazione ed ambientali. Aderisce inoltre al Movimento Agende Rosse nato dall’iniziativa di Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo.
In Parlamento è membro della Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, membro della Giunta per le elezioni e delle immunità parlamentari, membro della 2ª Commissione Giustizia e membro del Comitato per le incompatibilità, le ineleggibilità e le decadenze.

ENZO CICONTE
Avvocato, scrittore e docente universitario. È considerato da molti fra i massimi esperti in Italia delle dinamiche delle grandi associazioni mafiose. Autore di libri soprattutto sul tema della criminalità organizzata, ha realizzato numerosi studi relativi al meccanismo di penetrazione delle mafie al nord, ai rapporti tra criminalità mafiosa e locale e alle attività mafiose nei nuovi territori. E’ autore del primo libro in assoluto di storia della ‘Ndrangheta in cui viene approfondito il fenomeno mafioso dal punto di vista storico. È stato consulente presso la Commissione parlamentare antimafia a tempo pieno per undici anni (1997-2008) e a tempo parziale dal 2010. Dal 2013 insegna “Storia delle Mafie Italiane”all’Università di Pavia.

DAVIDE GRASSI
Avvocato penalista e blogger del Fatto Quotidiano. Autore di numerose inchieste su infiltrazioni mafiose, ha fondato nel 2005 a Rimini il primo “osservatorio sul disordine economico” e fa parte della rete legale di “Sos Impresa” (associazione nazionale antiracket che tutela le vittime di usura e di estorsione) per la quale si è costituito parte civile in numerosi processi penali contro usurai ed estorsori in tutto il Nord Italia. A Milano ha rappresentato “Sos Impresa” costituendosi parte civile nel processo “Infinito”: la conclusione di una maxi-operazione contro la ‘Ndrangheta calabrese e le collegate cosche milanesi. È autore, insieme al giornalista Davide Maria De Luca, del libro “San Marino Spa”, un libro inchiesta sulle infiltrazioni mafiose nella Repubblica di San Marino e in Emilia Romagna (edito Rubbettino).

SABINA GUZZANTI
Attrice, comica, regista, blogger e cantante italiana. Verve comica, ironia e tagliente punto di vista sull’attualità, sono le sue armi vincenti. Dopo una lunga esperienza televisiva in programmi cult sente il dovere di battersi per il diritto di espressione e la sua missione diventa quella di raccontare la verità e far luce sugli eventi bui della storia contemporanea italiana. Lo fa con il film documentario Viva Zapatero! con l’intento di denunciare la scarsa libertà di espressione presente nel nostro Paese. Col lungometraggio Draquila- L’Italia Che Trema, un reportage approfondito sugli eventi legati al terremoto a L’Aquila e un racconto intenso e sconvolgente su come la svolta autoritaria incida sulle persone comuni. Fino al suo ultimo lavoro La Trattativa, film documentario sulla trattativa Stato-mafia in cui denuncia il patto scellerato avvenuto tra lo Stato italiano e Cosa Nostra.

NINO DI MATTEO
Magistrato italiano presidente dal 2012 dell’Associazione Italiana Magistrati di Palermo. Divenuto pubblico ministero a Palermo nel 1999, ha iniziato ad indagare sulle stragi di mafia in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e gli agenti delle rispettive scorte. Nel corso della sua carriera si è più volte occupato dei rapporti tra criminalità organizzata ed alti esponenti delle istituzioni. È attualmente impegnato nel processo a carico dell’ex prefetto Mario Mori, in relazione ad ipotesi di reato eventualmente connesse alla trattativa tra Stato e mafia. Vive sotto scorta dal 1995 e, a seguito delle minacce di morte da parte del boss Totò Riina del novembre 2013, è stato sottoposto ad eccezionali misure di sicurezza, elevando il grado di protezione al massimo livello. In prima linea nella lotta alla criminalità organizzata è oggi uno dei simboli più forti della lotta contro le mafie che con dedizione, impegno e senso del dovere porta avanti il proprio lavoro di ricerca della verità nonostante le violente pressioni a cui è sottoposto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>