Adanti (Sinistra Unita Fano): “Nel bilancio comunale mancano 5 milioni di euro, l’Amministrazione elimini i doppioni”

di 

21 marzo 2015

Valter Adanti*

logo Sinistra Unita FanoFANO – E’ uno sport tutto italiano quello di trovare sempre responsabili altrove per evitare di fare quelli che potremmo chiamare “ i compiti a casa”.”La Germania che ci strangola”, “quelli che han governato prima di noi”,”lo Stato nazionale”, eccetera… tutte cose in cui c’è un po’ di verità, ma meravigliosi alibi se non si vuol cambiare. “Fin che la barca va, lasciala andare “diceva uno spot della vecchia Democrazia Cristiana, e mai spot è stato così adeguato per gli italiani. Ma ora la barca fa acqua, e parlo del bilancio 2015 del Comune di Fano, e mancano all’appello quasi 5 milioni di euro. Non è un bilancio né da ritocchi, né da tagli a pioggia, è un bilancio da scelte coraggiose: in una situazione di questo tipo lo status quo è irresponsabile. E chiedo a questa amministrazione a cui va la mia fiducia di essere all’altezza di queste aspettative e di non tirare a campare.

Faccio due esempi, ma sicuramente ce ne sono tanti altri, di doppioni che costano ai cittadini che bisogna bonificare:

1) la Fondazione Teatro e l’Assessorato alla cultura, due strutture che costano per gestire la stessa cosa. Nei due mandati Carnaroli esisteva solo l’Assessorato alla Cultura e gestiva il doppio del bilancio attuale. Ora il budget è dimezzato, ma è raddoppiata la struttura di gestione. E’ un errore della gestione Aguzzi, ma vogliamo continuare?

2) Aset spa ed Aset Holding, due aziende per gestire un territorio forse modesto anche per una sola, doppione nato per una vecchia disposizione nazionale da lunga data superata. Superata la norma, ma non superata la doppia struttura, che i cittadini pagano sulla bolletta. Ora c’è un indirizzo votato dal Consiglio che va in direzione del superamento, ma il tempo passa e la cosa è lenta a concretizzarsi.

Si può giustamente obiettare che nel  momento dell’eliminazione di un doppione non c’è un forte rientro economico, ma vogliamo navigare a vista, come ha fatto la giunta precedente?

Ormai sia il cittadino italiano che quello fanese sanno bene che se c’è una buca da tempo non tamponata sulla strada, se c’è una bolletta troppo cara nella cassetta della posta, a questo corrisponde qualche apparato dello Stato o del Comune non essenziale, che si arrampica sugli specchi per giustificare la propria esistenza.

*Membro della segreteria di Sinistra Unita

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>