Regionali, consultazioni Pd nei circoli. Gostoli: “Una bella partecipazione e confronto alla luce del sole”

di 

25 marzo 2015

“Oltre mille iscritti hanno partecipato alle ampie consultazioni negli ottanta circoli in tutto il territorio provinciale. Si può sempre fare meglio, avremo tanti difetti, ma non quello di aprire le porte alla partecipazione per le scelte più importanti. Così il Pd decide la squadra da candidare per le Marche: alla luce del sole insieme ai cittadini”. Sono le prime parole di Giovanni Gostoli, segretario provinciale Pd, al termine delle consultazioni dei circoli Pd nella provincia di Pesaro e Urbino per le candidature al consiglio regionale.

“Le assemblee sono state un momento straordinario per discutere attorno alle proposte, i bisogni e le speranze dei territori che hanno ancora di più dopo le primarie delineato le priorità che il Pd deve avere a cuore per le Marche” – aggiunge Gostoli – “Dal dibattito negli incontri è emersa la volontà di una lista che sia il più possibile rappresentativa del territorio provinciale con la consapevolezza, però, che sarà possibile candidare meno persone rispetto alle scorse elezioni in quanto la nuova legge ha tagliato drasticamente il numero dei consiglieri regionali. Inoltre, dai circoli viene anche una spinta ai profili dei candidati: competenza, esperienza e rinnovamento, persone capaci di avere almeno una visione provinciale”.

“Sono 50 i nominativi emersi dalle consultazioni” – precisa il segretario provinciale – “Di questi circa una decina ha avuto una forte indicazione in un territorio, ma anche segnalazioni in diverse realtà della provincia. Fare una sintesi non è affatto semplice, ma sono fiducioso che il Pd provinciale può arrivare a una soluzione ampiamente condivisa. Può farlo nella misura in cui il partito sarà capace di mettere l’interesse generale al di sopra delle singole ambizioni”.

Nel collegio provinciale sono previsti 7 candidati da inserire in lista. Alcuni in meno rispetto a cinque anni fa perché la nuova legge elettorale ha tagliato il numero dei consiglieri regionali da 42 a 30. In campagna elettorale ognuno dovrà poi raccogliere le preferenze necessarie per essere eletti nel nuovo consiglio regionale delle Marche. Un terzo delle liste dovrà essere di genere diverso per garantire la parità.

Adesso sono due gli appuntamenti in agenda per completare il percorso: il primo, l’assemblea provinciale fissata per lunedì 30 marzo e, il secondo, l’assemblea regionale prevista per giovedì 2 aprile. L’assemblea dei democrat è composta da tutti i circoli della provincia di Pesaro e Urbino. In quella sede il Segretario provinciale, preso atto delle segnalazioni delle candidature ricevute, presenta un’ipotesi di lista per la propria circoscrizione elettorale. Il regolamento prevede anche la possibilità che l’indicazione contenga “anche un numero di nominativi superiore a quello della lista elettorale”. Dopo viene trasmessa all’Assemblea regionale che valuta e decide in maniera definitiva.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>