“L’aiuto a chi aiuta”, un progetto innovativo di sostegno ai familiari di persone affette da demenza o Alzheimer

di 

26 marzo 2015

Nasce dall’accordo di collaborazione tra l’Inrca (Istituto Nazionale Ricovero e Cura Anziani) e il Comune di Pesaro il progetto pilota “l’Aiuto a chi aiuta”, un percorso innovativo di sostegno ai familiari di persone affette da Alzheimer o demenza.

Il progetto si rivolge ai cittadini residenti nel territorio dell’Ambito Territoriale Sociale n.1 di Pesaro attraverso la creazione di uno sportello di servizio Sociale professionale per offrire ai familiari un supporto personalizzato di accoglienza, ascolto e orientamento.

Lo Sportello si colloca all’interno della più ampia rete dei servizi territoriali esistenti per rappresentare, nel tempo, un punto di riferimento per le famiglie rispetto alla gestione del malato a domicilio. Un progetto nuovo che prevede anche la creazione di uno spazio di accoglienza ai familiari di persone affette da demenza, con particolare specificità da Alzheimer. Un luogo deputato a dare informazione, orientamento, nonché a creare occasione di confronto tra le persona di riferimento per il malato (caregivers), per fronteggiare la gestione del malato e promuovere, così, il benessere e la qualità della vita di chi assiste.

Altre azioni in fase di realizzazione: colloqui di consulenza psico-sociale a favore di nuclei che presentano un certo grado di complessità rispetto alla gestione del bisogno.
Inoltre, la creazione di gruppi di sostegno per i familiari di riferimento all’interno dei quali essi possano sentirsi parte attiva nell’affrontare la malattia e al contempo divengano risorsa per sé e per gli altri, dando così impulso alla nascita di una rete “naturale” di solidarietà.
Gli incontri si struttureranno intorno ai bisogni emergenti; a tale scopo periodicamente verranno coinvolti professionisti socio-sanitari ed esperti per l’approfondimento di tematiche specifiche.
Non ultime, azioni di promozione di un volontariato adeguatamente formato e sostenuto, come risorsa in grado di affiancare concretamente le famiglie, permettendo di recuperare momenti di individualità.

Questa serie di interventi pongono le basi per la strutturazione di un percorso innovativo ad hoc rispetto alle demenze, anche attraverso il coinvolgimento e la collaborazione di tutti i soggetti territoriali competenti in materia di demenza/Alzheimer, dagli enti pubblici del comparto sanitario, alle associazioni di volontariato nonché a tutti i rappresentanti del privato sociale interessati all’iniziativa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>