La Vuelle a Venezia cerca l’impresa dis…Umana

di 

27 marzo 2015

Vuelle contro Roma foto Danilo Billi

Ross in azione. Foto Danilo Billi

PESARO – Sette giornate al termine del campionato e non ci sono molte certezze a cui aggrapparsi, con forse la sola Milano che è sicura del suo primo posto, mentre tutte le altre 15 formazioni scrutano il calendario e gli scontri diretti, alla ricerca, o della migliore posizione possibile nella griglia playoff o di una salvezza anticipata. E’ la conseguenza del livellamento verso il basso del basket italico, che cerca di risalire la china aggrappandosi all’impatto mediatico che porterà l’ingaggio di Metta World Peace – al secolo Ron Artest – da parte dell’Acqua Vitasnella Cantù, giocatore dalla classe infinita, ma dal carattere fumantino, con coach Sacripanti che avrà il suo bel da fare nel gestirlo, ma in Brianza hanno fatto bene i loro calcoli, perché non essendo ancora sicura dei playoff e reduce da una stagione non proprio esaltante, Cantù potrebbe diventare la mina vagante il prossimo maggio.

E’ un campionato dove la seconda in classifica non è sicura al 100% di poter vincere in casa dell’ultima – ogni riferimento a Caserta-Venezia di domenica scorsa non è puramente casuale – dove una potenziale finalista come Sassari ha vinto al fotofinish sia a Pesaro sia contro Capo D’Orlando, dove Reggio Emilia ha perso le ultime tre trasferte e dove l’undicesima (Roma) è a soli quattro punti dalla settima. Questo equilibrio rischia di scombinare qualsiasi tabella salvezza che vi potremmo proporre, anche se in ogni caso è meglio aspettare sabato, quando si conoscerà l’esito del ricorso di Caserta contro il punto di penalizzazione inflittogli dalla Legabasket, prima di avventurarsi nei calcoli, perché se la Pasta Reggia dovesse salire a 10 punti, tornerebbero in gioco scontri diretti e differenze canestri finora accantonate.

Dando un’occhiata a questa 24esima giornata, la sfida tra Capo D’Orlando e Reggio Emilia è di difficile pronostico proprio per le difficoltà incontrate in trasferta dalla Grissin Bon in questo ultimo mese, discorso analogo per i match tra Varese e Brindisi e tra Avellino – che ha esonerato Vitucci e ingaggiato Frates – e Bologna, mentre i tifosi pesaresi sperano che la Dolomiti Energia Trento confermi il suo buon stato di forma – 4 vittorie nelle ultime 5 – anche nel match casalingo contro Caserta.

Ma con queste premesse, quante sono le possibilità che la Consultinvest riesca a sbancare il Taliercio di Venezia? Non molte in verità, ma le partite impossibili sono finite con quella di lunedì sera con Milano, adesso rimangono match dove la Vuelle non partirà mai coi favori del pronostico dal basso del suo penultimo posto, ma dove Pesaro potrebbe mettere in difficoltà chiunque con quell’energia difensiva espressa sotto la guida di coach Paolini, anche se chiaramente il confronto tra i due roster pende tutto dalla parte dei veneziani, che temiamo non ripeteranno la scialba prestazione offerta nella sconfitta di domenica corsa a Caserta, con la quale hanno rimesso in discussione la possibilità di finire secondi. L’Umana è una squadra solida e ben allenata, con una rotazione di almeno 10 elementi validi contro i 6-7 della Vuelle, che comunque già all’andata rischiò di portare a casa la vittoria, con Kendall Williams che non si accorse della fine del tempo e rimase col pallone della possibile vittoria in mano, come sempre in questi casi, sarebbe già un bel successo se domenica sera il distacco tra Pesaro e Caserta rimanesse invariato con un turno in meno da disputare, in un finale di campionato che si preannuncia equilibrato fino all’ultimissima giornata.

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

UMANA VENEZIA (34 PUNTI) – CONSULTINVEST PESARO (14 PUNTI)
Domenica 29 marzo – ore 18.15 – PalaTaliercio di Mestre (VE)
Risultato dell’andata: Pesaro-Venezia 89-90
Diretta televisiva su TVRS – canale 111 del digitale terreste

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Squadra esperta questa Umana, costruita per arrivare nelle prime quattro con il giusto mix tra esperienza e freschezza atletica. Julyan Stone è l’uomo designato a condurre il gioco (4.0 assist di media), coadiuvato da Jarrius Jackson, comboguard dal discreto tiro e una buona presenza difensiva, l’ala piccola titolare è l’oriundo Jeff Viggiano, grande atleta e ottimo tiratore dalla linea dei 6.75, mentre da centro parte l’austriaco Ben Ortner, già campione d’Italia con Siena, anche se il migliore del gruppo è certamente il croato Hrvoje Peric, candidato al titolo di MVP stagionale della Legabasket, giocatore capace di ricoprire almeno tre ruoli senza perderne in efficacia, per la sua capacità di rendersi utile in ogni zona del parquet.

Coach Recalcati può pescare dalla sua panchina almeno un giocatore per ogni ruolo, partendo dal 22enne play Ruzzier, uno dei registi italiani più promettenti, con Phil Goss che si candida al titolo di miglior sesto uomo del campionato, dall’alto dei suoi quasi 13 punti segnati uscendo dalla panchina, il lituano Dulkys sta confermando la sua versatilità in un settore lunghi dove Tomas Ress e Spencer Nelson sono un vero e proprio valore aggiunto, qualche scampolo di partita anche per il 22enne Ceron.

IL DUELLO CHIAVE

Peter Lorant vs. Hrvoje Peric
Compito durissimo per l’ungherese, che dovrà cercare di limitare l’impatto di Peric sul match, anche se il croato ama spaziare sul perimetro per scoccare una tripla, senza tralasciare il gioco spalle a canestro, mentre il pesarese non è a suo agio quando c’è da conquistare spazio dentro l’area colorata.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Sono lontani i tempi in cui si vinceva il titolo di miglior realizzatore del campionato con una media che sfiorava i 30 punti, adesso basta superare il ventello ogni domenica e sei praticamente sicuro di aggiudicartelo, come accadrà a Tony Mitchell della Dolomiti Energia Trento con i suoi 20.7 punti di media, anche se all’inseguimento del trentino ci sono due pesaresi come LaQuinton Ross, secondo con una media di 17.5 e Chris Wright, che ancora non viene considerato nelle statistiche della Legabasket perché non ha raggiunto il minimo sindacale di 10 match disputati, ma che nelle otto partite giocate in maglia Consultinvest ha tenuto una media leggermente superiore a quella del suo compagno di squadra (17.8), a conferma che questa Vuelle è una squadra che dipende tantissimo dal rendimento dei suoi americani, nella speranza che anche Anthony Myles, terza punta dell’attacco biancorosso, ritrovi la forma migliore, persa tra l’infortunio natalizio e i malanni stagionali che l’hanno colpito in quest’ultimo periodo. Contro Venezia sarà ancora assente Tommaso Raspino, le cui condizioni fisiche sono in miglioramento e che si spera possa essere nei dieci sabato prossimo contro Cremona, anche se dieci giocatori che riescano a tenere il campo in serie A questa Consultivest non li ha mai avuti in questa stagione, con le rotazioni ridotte all’osso che sono state un leitmotiv in tutti questi mesi. Il mercato degli italiani ormai è chiuso e gli unici movimenti che la Vuelle potrà eventualmente effettuare fino al 10 maggio riguarderanno i comunitari, ma è ormai chiaro che si andrà avanti con questi effettivi, sperando nella buona sorte e nelle disgrazie altrui.

LA VENTIQUATTRESIMA GIORNATA IN PILLOLE

Due gli anticipi del sabato, con un paio di testacoda interessanti come Capo D’Orlando-Reggio Emilia e Varese-Brindisi, match che sarà trasmesso su Gazzetta TV, nelle partite domenicali il match-clou andrà in scena alle 20.30 davanti alle telecamere di Raisport, con la sfida tra Milano e Sassari che potrebbe essere un anticipo della finale scudetto, in una giornata che propone sfide interessanti come quelle tra Avellino-Bologna e Cremona-Roma, con Trento che ospiterà una Caserta in piena crescita, chiuderà il turno il posticipo del lunedì tra Pistoia e Cantù, con l’atteso debutto di Metta World Peace.

I PROSSIMI TURNI DELLA CONSULTINVEST

Sabato 4 aprile ore 20.30
Consultinvest Pesaro – Vanoli Cremona

 

Sabato 11 aprile ore 20.30
Dolomiti Energia Pesaro – Consultinvest Pesaro

 

Domenica 19 aprile ore 18.15
Granarolo Bologna – Consultinvest Pesaro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>