Senza acqua e luce, i profughi del Plaza di Fano scendono in strada e protestano

di 

28 marzo 2015

FANO – Una quarantina di profughi, ospiti all’Hotel Plaza di Fano, hanno protestato platealmente ma pacificamente dopo essere stati lasciati senza acqua e luce dal proprietario della struttura. Hanno occupato la strada, si sono sdraiati per terra, bloccando alle 12.30 parte di viale Cairoli, tanto da richiedere l’intervento degli uomini del Commissariato. A protesta si è reagito con una protesta: il titolare dell’Hotel aveva staccato le utenze perché non ha ancora ricevuto parte del pagamento concordato con l’associazione Incontri per la democrazia che ha in gestione il gruppo di profughi. I rappresentanti dell’associazione avrebbero risposto di aver già pagato 11 mila euro e che la rimante tranche  verrà corrisposta dalla Prefettura.  Ricordiamo che martedì i profughi dovrebbero essere trasferiti in un’altra struttura nell’interno della provincia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>