Tagli al Welfare regionale, il M5S parla di catastrofe annunciata: “I sindaci si mobilitino”

di 

30 marzo 2015

La bandiera 5 stelle

La bandiera 5 stelle

Sabrina Paola Banzato*

GABICCE MARE – Leggiamo con stupore la lettera aperta dei sindaci dell’ATS1 di Pesaro in merito al presunto taglio regionale di 26 milioni di euro (circa il 50%) dei fondi previsti dalla Regione Marche sul totale del capitolo dedicato alle politiche sociali regionale per il 2015.

Forse la maggioranza di questi sindaci non si è ancora accorta che il loro partito, cioè il Pd (a parte qualcuno che ha solo ereditato e da poco questo disastro), è quello che governa questo Paese e questa Regione? Il Pd taglia e gli stessi esponenti si scandalizzano, ripiegando con una breve letterina al giornale senza neanche dire quali contromisure verranno intraprese.

Siamo dentro un Film, un Truman Show, in cui “chi la fa dice di subirla” e chi la subisce non ha capito nulla e resta in silenzio a soffrire.

Noi del M5S non abbiamo intenzione di tacere e chiederemo subito ai sindaci:

1. di fare chiarezza sul disastro annunciato, con tanto di numeri, non percentuali, ma assoluti, che chiariscano le conseguenze sui servizi ai cittadini che hanno bisogno di conoscere subito chi e in che termini dovrà subire questo provvedimento;

2. in vista dell’approvazione del bilancio preventivo 2015 come intendono sopperire a questo disastro, che speriamo non si ripercuota sui cittadini che vivono il disagio sulla loro pelle (es. se c’è un disabile a cui si dava l’assistenza domiciliare cofinanziata dalla Regione Marche, si è previsto che si possa coprire con il bilancio del comune in toto? oppure si pensa di lasciarli senza assistenza?);

3. che sui provvedimenti finalizzati alla risoluzione del disastro annunciato dalla Regione, possano essere coinvolti tutti i rappresentanti (non solo quelli delle maggioranze) dei rispettivi consigli comunali e i cittadini, proponendo consigli comunali straordinari e aperti.

Solo così ci sembra possibile intraprendere un’azione forte e in grado di essere sentita dalla Regione Marche che il 2 aprile prossimo sembra approverà il bilancio.

Tutti i sindaci partano subito con azioni forti, che coinvolgano la cittadinanza, senza giochi delle parti e senza alcuna preoccupazione di salvare la faccia ad alcun partito di appartenenza in vista delle prossime regionali, perché qui la posta in gioco è davvero troppo alta per i cittadini!

*Portavoce capogruppo M5S in consiglio comunale Gabicce Mare

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>