Popsophia 2015 è “allegria di naufragi”: scelto il tema per la nuova edizione del festival del contemporaneo (Rocca Costanza, 8-12 luglio)

di 

31 marzo 2015

PESARO – Dopo il successo delle prime edizioni, con il rinnovato sostegno del Comune di Pesaro e della Regione Marche, “Popsophia, Filosofia del Contemporaneo” torna alla Rocca Costanza di Pesaro dall’8 al 12 luglio. Il tema scelto per l’edizione 2015 è un celebre verso di Giuseppe Ungaretti che descrive perfettamente la condizione contemporanea: “allegria di naufragi”.

Si rinnova la scelta dell’ossimoro che accosta due termini contrastanti: il trauma storico ed esistenziale del naufragio in contrasto con l’euforica allegria che trova risorse inaspettate solo all’interno della catastrofe. Dentro il naufragio – rappresentato per Ungaretti dalla Prima Guerra Mondiale di cui quest’anno ricorre il centenario – il naufrago scopre un’istintiva e inaspettata vitalità.

“La cultura contemporanea è superstite da una tempesta che ha spazzato via tutte le gerarchie storiche, religiose, culturali ed economiche. – ha dichiarato Lucrezia Ercoli, direttrice artistica di Popsophia – Una sfida e un’opportunità per la popsophia: ricominciare da zero con nuove idee, desideri e speranze.”

Una sfida sempre più internazionale. Il 2015 si apre infatti con la nuova partnership culturale dell’Institut français d’Italie che porterà a Pesaro il noto filosofo canadese Maxime Coulombe. Una giornata del festival inoltre sarà realizzata in sinergia con Jacques Serrano, direttore artistico della Semaine della Pop Philosophie di Marsiglia e Bruxelles.

“Popsophia ha dimostrato con i numeri di essere un grande evento economico oltre che culturale – ha dichiarato Matteo Ricci, sindaco di Pesaro – È un evento che fa di Pesaro una città europea. Siamo molto soddisfatti che questa manifestazione si ripeta nella nostra città, a Rocca Costanza.” Come ha ricordato anche Daniele Vimini, assessore alla cultura di Pesaro: “Popsophia è stata la prima manifestazione a riscoprire Rocca Costanza in maniera così ampia”.

Il festival sempre di più coinvolge la sfera della formazione come canale privilegiato di ascolto e confronto con le nuove generazioni. Sarà infatti rinnovato, grazie alla collaborazione attiva dell’Ufficio Scolastico Provinciale e della dirigente Carla Sagretti, l’impegno con le scuole del territorio che saranno protagoniste della prima serata del festival con un ospite di eccezione.

E proprio Carla Sagretti si è rivolta ai molti studenti presenti nella sala: “Il tema di questa edizione è il sunto del nostro compito di educatori. Darvi quella forza che serve ad affrontare la vita, anche dopo un naufragio.”

Il viaggio periglioso dell’edizione 2015 di Popsophia ha l’aspirazione di costruire, con i frammenti rimasti a galla dopo la tempesta, nuove scialuppe di salvataggio per il pensiero contemporaneo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>