Scomparsa Alfideo Mili, il cordoglio di Ricci, Marchetti, Fabbri, Gostoli e CNA. Camera ardente in Provincia

di 

8 aprile 2015

PESARO – Cordoglio di Matteo Ricci per la scomparsa di Alfideo Mili, 88 anni, urbinate, consigliere provinciale e storico dirigente del Partito Comunista pesarese fin dagli anni della Liberazione. “Perdiamo un uomo che si è rivolto interamente all’impegno civile e alla lotta per la democrazia e i diritti – scrive il sindaco di Pesaro – Si è speso per la pace e per lo sviluppo del territorio, con passione, in ogni espressione della sua esistenza. Lascia in eredità il suo esempio alle nuove generazioni: è stato un costruttore di relazioni umane, oltre che un artista sensibile e altruista. Una figura di spessore, che ricorderemo a lungo: siamo vicini alla famiglia in questo momento di dolore”.

PER MARCHETTI RESTERA’ UN ESEMPIO PER TUTTI

“Esprimo grande dispiacere per la morte di Mili. Nel corso degli anni passati da organizzatore prima e da segretario poi, in Federazione, è sempre stato una presenza costanza e di grande passione e aiuto per tutti i militanti. Un esempio per i giovani che si sono avvicinati alla politica. Un uomo di partito che si è sempre speso, un punto di riferimento per tutto il territorio provinciale. Un carattere forte, mai sottomesso alle ingiustizie. La sua apparente figura burbera nascondeva una grande sensibilità che si intravedeva nei sui quadri che in questi anni continuo a ritrovare appesi alle pareti delle case dei militanti”. Lo afferma in una nota il deputato Pd Marco Marchetti.

CAMILLA FABBRI: “RICORDO INDELEBILE”

“Esprimo cordoglio alla famiglia di Alfideo Mili, storico militante del partito. Il suo ricordo resterà indelebile. Un uomo di partito che ha sempre dato un grande contributo con la sua esperienza e passione civile. La sua sensibilità e amore per la comunità resteranno un patrimonio prezioso per chi lo ha conosciuto”. Lo afferma in una nota la senatrice Pd Camilla Fabbri.

GOSTOLI: “UN VERO COSTRUTTORE DI PARTITO

“Correva una mattina d’estate. Avevo venticinque anni e da qualche giorno ero arrivato al partito. “L’organizzazione è una cosa seria. Ricordalo sempre”. Queste sono le parole che ho scolpite nella memoria di quando ho incontrato per la prima volta Alfideo Mili”.

Così Giovanni Gostoli, che continua il suo ricordo nel seguente modo: “Dirigente politico, funzionario del PCI e consigliere provinciale. Ogni tanto faceva visita in Federazione e ogni volta era una festa. E si faceva sentire: dai problemi della città alla passione per il tesseramento. Un bravo dirigente si giudica per quello che ha fatto e per quello che lascia. Nonostante ancora non conoscevo la storia di quell’uomo da subito avevo capito che aveva fatto tanto per il partito e lasciato un segno profondo nella testa e nel cuore delle persone. Quando arrivava in via Mastrogiorgio chiunque fosse presente accorreva a salutarlo. Aveva un carattere forte, deciso, ruvido. Ma gli occhi erano dolci e, talvolta, dentro un abbraccio concedeva un sorriso. Pieno di luce e di umanità come i quadri che nel tempo ha dipinto, molti dei quali sono custoditi nelle case di tanti compagni che gli hanno voluto bene.
Ci sono uomini che si dedicano alla vita del partito, poi ci sono grandi uomini che hanno dedicato la loro vita al partito. Mili appartiene ai più grandi: è stato un vero “costruttore di partito”. Con lui ci lascia una colonna storica della vita politica e dello sviluppo del territorio. Amava l’organizzazione più di ogni altra cosa. “Dovete andare casa per casa come facevamo noi quando consegnavamo l’Unità”, diceva. In molti raccontano che aveva perfino girato la provincia in bicicletta, lavorando giorno e notte, per far crescere le sezioni di uomini e donne impegnate per un’idea di società più libera, giusta e solidale.
Era un instancabile lavoratore sempre dalla parte dei lavoratori e dei più deboli. Anche negli ultimi anni di vita non aveva perso mai la speranza che vedeva nel volto dei più giovani. Con forza sosteneva il rinnovamento e trasmetteva alle nuove generazioni la voglia di fare, il valore più autentico del volontariato, di vivere l’impegno con altruismo, umiltà, spirito di sacrificio, anche sperimentando cose nuove, ma senza dimenticare le radici robuste della sinistra.
Ci sono persone che con la loro vita lasciano una traccia indelebile nel partito e nella città, ma anche nel cuore di chi continua a impegnarsi per cambiare in meglio le cose. Sei stato una persona speciale per tutti noi, Mili. Un uomo onesto e perbene, fino all’ultimo giorno. Una persona seria come dovrebbe essere una buona organizzazione. Ricordalo sempre, perché noi non ti dimenticheremo mai. Ciao Mili”.

LO PIANGE LA CNA

“Una vita fatta di passione e impegno. Si potrebbe sintetizzare così la vita di Alfideo Mili, padre della nostra collega Diana, da sempre amico della CNA di Pesaro e Urbino”. Così la Cna, che continua nel ricordo:

“La lunga militanza politica, la sua attività di consigliere provinciale e di dirigente di partito, lo hanno portato  ad occuparsi anche di artigianato, di piccole imprese, di sviluppo del territorio. In tutte le occasioni Alfideo Mili ha messo grande tensione ideale e impegno come del resto faceva anche nella vita privata.
Alla collega Diana ed alla sua famiglia, il segretario provinciale Moreno Bordoni ed il presidente provinciale Alberto Barilari a nome di tutti i dipendenti esprimono tutta la vicinanza ed il cordoglio della CNA di Pesaro e Urbino”.

CAMERA ARDENTE IN PROVINCIA

Sarà allestita domani, dalle ore 16, nella sede della Provincia di Pesaro e Urbino (viale Gramsci 4) la camera ardente di Alfideo Mili, che fu consigliere provinciale e dirigente storico della sinistra pesarese.

“Mili – evidenzia il presidente della Provincia Daniele Tagliolini – è stato un esempio importante di impegno civile e di passione politica, sempre orientata all’affermazione dei diritti e della democrazia, in difesa dei più deboli. Un uomo forte e al tempo stesso sensibile, che ha saputo riflettere il suo impegno politico anche nella pittura, visto che i temi del lavoro e dei diritti erano spesso presenti nelle sue opere. Ai famigliari vanno le nostre più sentite condoglianze”.

CORDOGLIO di PALMIRO UCCHIELLI PER LA SCOMPARSA DI ALFIDEO MILI

Cordoglio del Sindaco di Vallefoglia Palmiro Ucchielli per la scomparsa di Alfideo Mili, consigliere provinciale e storico dirigente del partito comunista pesarese fin dagli anni della Liberazione e amico personale:

“Perdiamo un uomo, un grande organizzatore, un artista che con la sua tenacia ha sempre lottato per la democrazia e i diritti dell’uomo. La sua caparbietà, la sua insistenza spero siano d’esempio per le nuove generazioni, un maestro un amico, un punto di riferimento per tutto il territorio provinciale”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>