Fermignano, no ai pesticidi nell’acqua: ecco l’ordinanza, il primo passo importante

di 

9 aprile 2015

FERMIGNANO – Arrivano le prime risposte alla Petizione firmata dai Fermignanesi. E’ limpida, fresca, inodore ed esce dai nostri rubinetti. E’ l’acqua con cui ci laviamo, facciamo il thè, il caffè, cuociamo la pasta e che beviamo… e per tutti questi motivi abbiamo bisogno che sia pulita.

Difendersi dall’inquinamento idrico non è semplice, perché le sostanze chimiche dannose disciolte nell’acqua non sono quasi mai visibili a occhio nudo. Servono controlli e analisi specifiche.

evento-ordinanza-acqua.doc

“Quella per l’acqua pulita non è una battaglia semplice ma, grazie ai Fermignanesi che, nel giugno 2014, si sono attivati in difesa della propria salute firmando la Petizione di Iniziativa Popolare – scrive Fermignano in Movimento – e grazie al Sindaco che ha accolto le richieste dei propri cittadini, oggi si è fatto un primo passo importante per la tutela della salute di tutti noi. Fermignanesi, grazie a tutti voi!”

Il Sindaco, in data 18 marzo 2015, ha infatti emanato un’Ordinanza che risponde alla prima delle richieste presentate all’amministrazione comunale con la Petizione Popolare: quella riguardante maggiori controlli nell’uso di pesticidi da parte degli agricoltori proprio nel periodo di maggior utilizzo (mesi primaverili).
L’Ordinanza è una vittoria per tutti i cittadini. Infatti, se l’uso scellerato di pesticidi pericolosissimi potrà essere impedito con maggiori controlli, è merito dei cittadini fermignanesi che hanno dimostrato di sapersi difendere e di essere parte integrante della macchina amministrativa.
Prendere parte alla vita civica è sempre importante, perché un’amministrazione si dimostra realmente legittimata e corretta solo quando ascolta le esigenze espresse dei propri cittadini, ma per far questo è necessario che la popolazione si esprima, non solo al momento delle elezioni.
Quando i cittadini si attivano, le istituzioni funzionano meglio e questa ne è la prova.

Cosa successe un anno fa

Era giugno 2014 – riscostruisce Fermignano in Movimento – quando a Fermignano si scoprì che nell’acqua che usciva dai rubinetti era presente, oltre i limiti consentiti dalla legge, un pericoloso erbicida, il metolachlor. Appresa la notizia, il Sindaco emise subito un’ordinanza che impediva l’utilizzo dell’acqua ma, oltre al disagio inevitabile dovuto dal non poter usare l’acqua, vi fu un danno ben più grave: quando le analisi delle acque diedero il loro triste verdetto, il diserbante usciva dai nostri rubinetti già da diversi giorni e, chi più chi meno, ne facemmo tutti una bella scorpacciata.
Fermignano in Movimento fece subito un esposto alla Procura di Urbino per far avviare un’indagine che permise di sottolineare l’uso diffuso ed abituale di sostanze chimiche vicino al fiume.

Successivamente, lo stesso Meetup stese una Mozione di Iniziativa Popolare contenente un programma articolato in 7 punti volto ad evitare che scempi del genere accadessero di nuovo.

Con la petizione si chiedeva: un maggiore controllo nell’uso dei pesticidi e, in particolare, l’attuazione di un programma di vigilanza su tutta la zona di rispetto attorno al punto di captazione del potabilizzatore di San Silvestro; di concordare con l’Asur l’implemento delle analisi delle acque nei periodi di maggior utilizzo dei diserbanti, oltre alla loro tempestiva pubblicazione e in termini comprensibili, per permettere il controllo da parte dei cittadini; il divieto di utilizzo di diserbanti nelle aree pubbliche; organizzarsi con i Sindaci dei Comuni limitrofi per trovare una soluzione al problema dell’inquinamento del fiume Metauro; usufruire di altre fonti di approvvigionamento di acqua potabile oltre al fiume Metauro.

Le richieste contenute nella petizione erano così condivisibili che vennero firmate da oltre 500 fermignanesi in sole 3 settimane e quando, il 30 ottobre 2014, queste vennero presentate in Consiglio Comunale, raccolsero le lodi di maggioranza e opposizione che Approvarono definitivamente la Petizione di Iniziativa Popolare in tutti i suoi sette punti.

Cosa possiamo ancora ottenere

L’Ordinanza è solo il primo passo – fa notare Fermignano in Movimento – Ora attendiamo l’attuazione di tutti gli altri punti del programma contenuto nella petizione, ma non sarà un’attesa passiva: controlleremo l’amministrazione, solleciteremo e faremo tutto ciò che è necessario affinché le autorità rispettino gli impegni presi e, soprattutto, vi terremo informati.

Proprio a questo fine abbiamo organizzato un incontro sul tema “Acqua Pubblica senza veleni” che si terrà sabato 18 aprile presso la Sala Monteverdi di Fermignano, durante il quale il Sindaco Giorgio Cancellieri presenterà ai cittadini l’Ordinanza emessa il 31/03/2015 sull’utilizzo dei pesticidi e il Prof. Fabio Taffetani, Professore ordinario di botanica sistematica del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università Politecnica delle Marche, illustrerà le problematiche relative all’abuso della chimica in agricoltura e le ricadute che esso ha sul territorio e sulla nostra salute.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>