“Signora, suo figlio è un bullo. No. Sì. No. Invece sì”. Riflessione di Oasi delle Mamme per pu24.it

di 

10 aprile 2015

Nuovo appuntamento dell’associazione Oasi delle Mamme (in coda troverete una loro ampia, geniale e divertentissima presentazione) sul nostro giornale online www.pu24.it. In questa nuova puntata si parla di bullismo…

bullismoAntefatto: c’è una gita di un liceo qualunque in visita a Roma e 14 studenti eccessivamente fetenti per prendersi libertà gratuite su un loro compagno forse un po’ avvinazzato, stanco, ma comunque deciso di pretendere di essere lasciato in pace. Ma loro vogliono giocargli qualche “scherzetto” e si impegnano in variopinte attività ludiche come denudarlo, depilarlo, bruciarlo con un accendino, inzupparlo in una vasca da bagno come un savoiardo, decorarlo con caramelle e marshmellow, avvolgerlo di carta igienica e infine, a conclusione di questa serie di atti incivili, girano un bel video dal telefonino della vittima per conclamare il danno alla beffa e pubblicare tutto in rete.

Il preside del Liceo decide di sospendere la classe per qualche giorno e ai colpevoli del fattaccio regala un bel 4 in condotta che implica la ripetizione dell’anno.

I genitori dei responsabili reagiscono in modo inaspettato controbattendo la decisione del preside, difendendo e giustificando le azioni dei loro figli.

“Macché bullismo”, chiosa una madre, “è stato uno scherzo” ribadisce un’altra.

Insomma per queste madri il tutto si risolve così, come un banale, insignificante scherzo.

Signore mie, se non vi è chiara la capacità di discernere il giusto dallo sbagliato posso comprendere non riusciate a fare un buon uso della lingua italiana che vede la parola “scherzo” come un atto simpaticamente goliardico, perciò al massimo un topo finto sul comodino, il sacco nel letto, la caccola attaccata ai capelli, un gavettone a tradimento, insomma un’azione che si conclude con una risata e un “volemose bene”.

Il bullismo, al contrario, è un atto violento che si realizza sia sul piano fisico (forzature su un soggetto che non accondiscende) che psicologico (ancora più infimo perché impalpabile, inafferrabile). Ne parliamo anche nel nostro blog.

Ora, mi perdonerete se questo mio tentativo di farvi capire la differenza tra le due parole vi risulti ostico e posso anche giustificarvi considerata la vostra visione della vita che mi fa sospettare sia il frutto di pane e salottini televisivi psicodrammatici di cui vi siete nutrite fino ad oggi.

Se per voi denudare, depilare, bruciacchiare, svilire una persona facendo di lei lo zimbello della scuola e del web intero si racchiude in un semplice scherzo, che cosa dunque vi può spingere a valutare un caso di bullismo?

Avete bisogno di ricevere tra le mani lo scalpo della vittima? Volete vedere i suoi bulbi oculari sotto spirito? Pensate che prima di gridare alla bruciatura si debba ricorrere alla tanica di benzina e la fiamma ossidrica per vedere zigzagare un individuo tipo torcia umana? No, è per capire che cosa vi frulla in testa, per misurare la vostra ignoranza, arroganza e ottusità.

Io sono assolutamente soddisfatta del 4 dato ai vostri figli e al fatto che dovranno ripetere l’anno scolastico e continuerei a farglielo ripetere fino a regredirli alla scuola materna, punto in cui forse avreste nuovamente la possibilità di recuperare ciò che avete malamente messo al mondo…

OASI DELLE MAMME: CHI SIAMO

L’associazione Oasidellemamme fondata nel marzo 2013 nasce dall’idea di Deborah Papisca (autrice del romanzo autobiografico “Di materno avevo solo il latte” – ed. 2011), presidente dell’Associazione assieme a Enrica Costa con cui ha fondato un blog a tema dal titolo omonimo www.oasidellemamme.it, e la psicologa Clelia Raffaele specializzata da oltre 15 anni in assistenza post parto e allattamento. Il progetto vuole mettere in evidenza quanta poca assistenza -o se c’è di natura frastagliata- ci sia nel contesto del post parto, vale a dire quell’arco di tempo compreso tra la nascita del bambino e i suoi primi mesi di vita.

Servizi dell’Associazione

  • Corsi pre parto
  • Corsi post parto
  • Consulenze individuali (supporto all’allattamento e supporto psicologico)
  • Servizio Tate/i (personale qualificato per il sostegno familiare)
  • Eventi tematici (relativi al puerperio e alla genitorialità)
  • Sconti in più di 30 attività convenzionate con Oasidellemamme
  • Pit stop allattamento e spazio cambio pannolino (alcuni negozi regalano alle mamme la possibilità di fermarsi per poter allattare in pace e cambiare il proprio bambino avendo a disposizione fasciatoio e materiale utile all’operazione offerto gratuitamente)
  • Corsi Pilates e Stretching danza con servizio tata (alle mamme verrà concessa la possibilità di dedicare tempo all’attività fisica presentandosi in palestra direttamente con i propri bambini che verranno accuditi dalle tate Oasidellemamme).

Lo staff di Oasidellemamme:

Deborah Papisca – presidente dell’associazione e blogger oasidellemamme.it

Enrica Costa – blogger oasidellemamme.it

Alessandra Antonini – coordinatrice territoriale progetti associazione

Sonia Duranti – segreteria organizzativa

Elisa Panzieri – grafico

Clelia Raffaele – psicologa specializzata in post parto e allattamento e referente dei corsi pre e post parto

Veronica Bianchi – ostetrica referente corsi pre e post parto

Contatti: info@oasidellemamme.it

Tel. 331.9197084

Oasidellemamme il blog nasce da un’idea di Deborah Papisca e Enrica Costa

Deborah, mamma di Camilla (classe 2006), viene notata in rete per un suo romanzo autobiografico “Di materno avevo solo il latte”, che con toni psicomelodrammatici rivela alcuni “segreti” non svelati sulla maternità.

Enrica è conosciuta per il suo moto perpetuo in giro per il mondo: milanese purosangue prima si trasferisce a Sidney in Australia (dove nascono i suoi due bambini: Matteo 7 anni e Davide 4 anni, per poi stabilirsi a Orange County, a una quarantina di minuti da Los Angeles, California).

Entrambe appassionate di internet e forum “mammeschi” si conoscono proprio grazie al Wi-Fi e tra di loro sboccia una bella amicizia quasi al primo click della tastiera.

Nel tempo decidono di creare uno spazio blogosferico per sostenere la mamma: Oasidellemamme.it che molto presto diventerà inaspettatamente un punto di riferimento on line per le mamme italiane sparse per il mondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>