Corinaldo e Mondavio ospitano la XV assemblea dei Borghi più belli d’Italia, Spacca: “Slogan sempre valido: piccolo è bello se in rete”. Ceriscioli: “Motori della nostra economia”

di 

11 aprile 2015

“La Regione Marche e i Comuni di Corinaldo e Mondavio offrono con grande piacere ospitalità alla XV Assemblea nazionale dei Borghi più belli d’Italia. C’è infatti una sostanziale coincidenza di strategia tra i principi che animano l’impegno dell’Associazione e la filosofia che ispira la nostra vita di comunità”. Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, intervenendo questa mattina a Corinaldo alla giornata conclusiva dei lavori della XV Assemblea nazionale dei Borghi più belli d’Italia. “Le Marche sono una regione plurale che basa la propria organizzazione su un modello policentrico, rifiutando quello fondato sulla dimensione metropolitana – ha detto Spacca – Un policentrismo fatto di tante comunità diffuse sul territorio, regolate secondo principi di responsabilità e ambizione alla qualità che si manifestano in ogni aspetto della vita di comunità. In questo modo le Marche sanno esprimere un sistema di coesione sociale, relazioni, solidarietà, ma anche crescita e sviluppo armonico. Non è un caso che proprio nella nostra regione sia stato coniato, molti anni fa, lo slogan piccolo è bello se sa organizzarsi in rete. Ed è lo stesso spirito che anima i Borghi più belli d’Italia: operare in rete per essere più forti. E’ proprio grazie a questo spirito che anche i piccoli Comuni aderenti all’Associazione potranno partecipare a Expo 2015”.
Spacca ha ricordato che le Marche sono la regione dei tanti turismi. “I tantissimi italiani e stranieri che visitano il nostro territorio – ha concluso – sono attratti non solo dalle nostre bellezze storiche, paesaggistiche, culturali, artistiche e architettoniche, non solo dal fatto che, insieme alla Toscana, siamo la culla del Rinascimento, ma anche da un altro tipo di bellezza, quello del made in Italy realizzato con grande maestria dal nostro manifatturiero”.

Borghi più belli d’Italia: Ceriscioli, sono nostro patrimonio e motore nostra economia

“In questi mesi di campagna elettorale ho avuto modo di toccare con mano la straordinarietà del territorio marchigiano. Ogni provincia ha le sue peculiarità unicità e ricchezze. Un patrimonio da promuovere e da organizzare nella piena consapevolezza delle nostre radici storiche, culturali e le tradizioni locali”. Lo scrive su Facebook Luca Ceriscioli a sostengo della XV Assemblea nazionale dei Borghi più belli d’Italia.

“La vostra assise – aggiunge – è in sintonia con tanti dei punti inseriti nel mio programma. La forza della nostra regione è la nostra identità. Il nostro territorio plurale, fatto di piccoli borghi, rappresenta proprio il nostro più grande patrimonio di cultura, arte, enogastronomia. Un motore di sviluppo economico e di possibilità di rilancio della nostra economia. Una sfida che possiamo vincere con una regione che cambia atteggiamento. Una regione che governi partendo dalle esigenze dei territori ma con un orizzonte d’insieme. Compito della Regione sarà quello di armonizzare competenze e obiettivi, identità e collaborazioni, strategie e programmazione, utilizzando la leva dei fondi europei. La parola d’ordine sarà puntare sul connubio turismo e cultura, arte e prodotti tipici completando il percorso di ricettività turistica e rafforzando la promozione del territorio con i paesi del nord Europa e della Cina. Un appuntamento importante sarà Expo 2015. Una vetrina internazionale che grazie alla vostra associazione potrà diventare un’occasione per rendere protagonisti i tanti borghi e piccole realta’ italiane”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>