Cuore senza lucidità: la Consultinvest scivola sulle Dolomiti (77-65). E ora bisogna tifare Varese…

di 

11 aprile 2015

DOLOMITI ENERGIA TRENTO – CONSULTINVEST PESARO 77-65

Dolomiti Energia Trento: Mitchell 21, Sanders 3, Pascolo 15, Grant 10, Forray 15, Flaccadori 0, Owens 7, Baldi Rossi 0, Armwood 4, Spanghero 2. All. Buscaglia

Consultinvest Pesaro: Ross 19, Myles 11, Basile 0, Musso 14, Raspino 0, Wright 4, Judge 3, Crow 0, Tortù ne, Lorant 14. All.Paolini

Arbitri: Paternicò, Sabetta, Lo Guzzo

Parziali: 11-15, 18-12, 23-18, 25-20

Non riesce l’impresa di espugnare il PalaTrento ad una Consultinvest confusionaria, ma mai doma, che spreca tantissime occasioni per rimanere in partita, dopo un primo tempo che l’ha vista quasi sempre condurre, Trento piazza il break decisivo nel terzo quarto, ma Pesaro ha diversi palloni per provare a rientrare, sprecandoli praticamente tutti e finendo per uscire sconfitta col punteggio di 77 a 65, buone le prove di Lorant e Musso, mentre Wright incappa in una serataccia, con la vittoria di Capo D’Orlando di un punto contro Brindisi, rimangono solo Pesaro e Caserta in lotta per non retrocedere e domani tutti i tifosi biancorossi tiferanno per Varese.

Ross, 19 punti

Ross, 19 punti

Due novità nel quintetto iniziale pesarese con Musso e Raspino sul parquet, mentre Ross rimane per il momento in panchina a meditare sulle sue ultime vicissitudini, il primo canestro del match arriva in maniera spettacolare per merito di Mitchell con una devastante schiacciata, con la Vuelle che, dopo aver fallito un paio di rigori, sblocca il punteggio con un’entrata di Wright, Lorant con una tripla porta gli ospiti sul 5 a 2 in un inizio di match abbastanza confusionario, dove Pesaro spreca in attacco tutto quel che di buono produce in difesa, dopo cinque minuti il punteggio è in parità (7-7) e gli allenatori cominciano ad effettuare i primi cambi, Judge si sblocca con una bella schiacciata su assist di un positivo Musso, che lascia il posto a Myles che si fa subito notare con la tripla del 12 a 7, azione che convince il coach della Dolomiti Energia a chiamare timeout per cercare di invertire l’inerzia del match finora in mano agli ospiti, Ross piazza la tripla del 15 a 8, dimostrando di poter giocare anche nello spot di guardia, con la Vuelle che inserisce anche Basile e Crow, in una rotazione allargata decisa da coach Paolini in un primo quarto che la Consultinvest chiude in vantaggio per 15 a 11.

Trento cerca il recupero ad inizio del secondo quarto, con la Vuelle che si affida ad un gioco da tre punti di Ross per mantenere cinque punti di vantaggio (13-18), Crow sbaglia un paio di triple aperte che gridano vendetta e ci vogliono un paio di entrate di Lorant per il nuovo più cinque ospite (22-17), con Trento che continua a sparacchiare dalla linea dei 6.75, consentendo alla Consultinvest di rimanere leggermente avanti (25-21), in un match dal punteggio basso che certamente favorisce la squadra più debole, anche se Pesaro spreca tantissime occasioni per incrementare il vantaggio, finendo per subire il pareggio della Dolomiti Energia (25-25 al 18’) che con un parziale di 10 a 3 riesce a chiudere il secondo quarto avanti per 29 a 27.

Le statistiche di metà partita evidenziano le brutte percentuali dal campo delle due formazioni, con Pesaro che ha catturato un maggior numero di rimbalzi (27-22), ma ha perso sette palloni contro i quattro degli avversari, in un primo tempo giocato malino da entrambe, con il serio rischio che la Vuelle possa rimpiangere di non essere riuscita a chiuderlo in vantaggio di qualche punticino, come avrebbe meritato se non avesse sprecato tantissime occasioni.

Si riparte con la Consultinvest che ripropone il suo classico quintetto, ma bastano due triple consecutive di Trento per vedere i padroni di casa volare in un amen sul 35 a 29, Pesaro cerca di rimanere in scia con un paio di arresti e tiro dai cinque metri, ma ormai le mani dei tiratori trentini si sono scaldate e alla terza tripla subita nel giro di tre minuti, coach Paolini è costretto a chiamare timeout, anche se la sensazione che il treno abbia lasciato la stazione comincia a serpeggiare quando la Dolomiti Energia si porta sul 42 a 33, ci prova Musso con la tripla del 38 a 42 a riavvicinare i suoi, anche se il capitano biancorosso non sembra nella sua miglior serata dalla linea, in un attacco biancorosso che continua a sprecare palloni su palloni in maniera imbarazzante, si va avanti a fiammate con qualche canestro sporadico in mezzo ad una marea di baggianate e un terzo quarto dove a Trento è bastato fare il compitino, si chiude con la Dolomiti Energia in vantaggio per 52 a 45.

Pesaro prova a mantenersi in vita con la zone press che produce un paio di recuperi per il 49 a 54, con il 14esimo punto di Lorant che vale il meno quattro, anche se l’ungherese casca nella trappola di Armwood e si fischiare un tecnico che lo costringe ad una sosta momentanea in panchina con quattro falli a carico, Mitchell con una tripla dall’angolo punisce la zona pesarese e porta i suoi di nuovo sul più otto, con Musso che cerca di mantenere in scia la Consultinvest con la tripla del 56 a 61 a cinque minuti esatti dalla sirena, ci vorrebbe una fiammata di Wright, in ombra finora, per sperare di riagguantare i padroni di casa, ma la partita rischia di decidersi sul tecnico fischiato a coach Paolini al 36’ che consente alla Dolomiti Energia di portarsi sul più nove (66-57) e sull’ennesima entrata sbagliata da Wright si possono cominciare a mandare i titoli di coda, nonostante la solita generosità di capitan Musso, ultimo ad arrendersi per la Consultinvest, c’è ancora il tempo per vedere Ross sbagliare il suo terzo libero di serata, Wright sbagliare l’ennesima entrata, Myles mandare in tribuna un pallone direttamente dal palleggio e Mitchell farsi fischiare due tecnici nel giro di trenta secondi con conseguente espulsione e ci si avvia verso la conclusione di un match che Pesaro avrebbe potuto anche portare ad un finale in volata giocando in maniera meno confusionaria, specialmente in attacco, ma i due punti vanno con merito alla Dolomiti Energia con il punteggio finale di 77 a 65.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>