Formula Uno, qualifiche GP della Cina: Hamilton e Rosberg stratosferici ma la Ferrari c’è

di 

11 aprile 2015

Mercedes ancora sugli scudi Hamilton e Rosberg stratosferici,si riprendono dallo “schiaffo” subito quindici giorni fa in Malesia e fanno capire ancora una volta che loro sono quelli da battere. A dire il vero nelle prove Hamilton aveva svettato anche a Sepang, quello che lascia stupiti è il distacco rifilato a Vettel, ottimo 3°. Era chiaro che dopo la clamorosa sconfitta subita dalla Ferrari con Vettel in Malesia, a Stoccarda non sarebbero stati con le mani in mano, vedremo domani in gara cosa può succedere, anche se il tracciato di Shanghai offre meno possibilità di stravolgere le strategie rispetto alla Malesia, quindi almeno sulla carta nel box tedesco regna una certa tranquillità.

Ferrari– come detto Vettel seppur distaccato soffia alla Williams in ripresa la seconda fila, mentre Raikkonen chiude la terza in 6° posizione , commettendo un incertezza nel giro finale. Peccato perché una seconda fila tutta “rossa”, poteva voler dire mantenere a distanza una Williams ritornata competitiva, con Massa 4° davanti al compagno Bottas 5°, anche se il team inglese ha dimostrato almeno nelle prove libere di avere un passo gara inferiore alla Ferrari. Nelle dichiarazioni post prove sia Vettel che il team principal Arrivabene si sono dimostrati fiduciosi per la gara, confermando di aver lavorato soprattutto per essere domani ancora una volta la spina nel fianco della Mercedes. Che in Ferrari regni un certo ottimismo non solo per la gara di domani, ma anche per il lungo cammino della stagione, lo si è capito dalle parole di Arrivabene, che anche dopo la stupenda vittoria della Malesia, era rimasto cauto invitando a rimanere con i piedi per terra, mentre oggi ha dichiarato che la Ferrari nel 2015 andrà all’attacco.

Vedremo se come è stato quindici giorni fa le parole saranno tradotte in fatti, a Maranello sanno di poterlo fare, essendo realisti sappiamo tutti che l’armata Mercedes è la più forte, ma siamo altrettanto certi che la Malesia per la Ferrari non sarà un episodio isolato.

A conferma del potenziale Ferrari c’è da registrare l’ennesima buona prestazione della Sauber e dei suoi giovani piloti, come sappiamo la scuderia elvetica da anni “ferrarista” , non dispone di un budget da top team, però anche a Shanghai ha piazzato Nasr 9° e Ericsson 10°, dimostrando che il pacchetto motore e cambio fornito da Maranello è di buon livello, visto appunto l’ovvio “divario” di storia ed economico fra i due team.

Per il resto parziale ripresa della Red Bull con Ricciardo 7°, mentre Kvayt è rimasto escluso dal Q3, cosi come in casa Lotus, Grosjean per la terza volta consecutiva nella top ten, Maldonado escluso dal turno finale. Fuori dalla fase finale delle prove anche i ragazzini “terribili” della Toro Rosso, Max Verstappen e Carlos Sainz jr., ma sappiamo che i due, con i loro 37 anni “totali”, come hanno dimostrato nei primi due gran premi della stagione sono capaci di dare battaglia.

Non resta che aspettare le 8 (orario italiano) di domani mattina con diretta anche Rai e naturalmente Sky.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>