A Pesaro arrivano i posacenere tascabili: 3.000 esemplari gratis per cittadini e turisti

di 

13 aprile 2015

posacenere tascabilePESARO – Tremila posacenere tascabili da distribuire a cittadini e turisti per combattere un malcostume duro a morire: gettare il mozzicone di sigaretta a terra (sporcando la città) o nei tombini (intasando le fogne). Non bastano neanche le attuali multe previste dal codice della strada a fermare gli accaniti fumatori privi di senso civico, che continuano imperterriti a “scaricare” cicche ovunque capiti. Da luglio però le cose cambieranno, anche per chi ha l’abitudine di gettare a terra la gomma da masticare.  Ci penserà la Legge di stabilità, meglio, l’articolo 14 del collegato ambientale, che prevede sanzioni da 30 a 150 euro per i trasgressori.

Da qui l’idea del Comune di Pesaro che, in vista dell’estate, avvierà una campagna di sensibilizzazione per “sollecitare” il senso civico dei cittadini, cercando di migliorare la situazione anche da un punto di vista ambientale. Grazie all’uso del  tascabile, il fumatore potrà spegnere la sigaretta nel comodo portacenere, per poi conferire i mozziconi nei contenitori per la raccolta del secco.

L’iniziativa è resa possibile grazie al contributo di Marche Multiservizi.

Il danno ambientale

Cicche di sigarette a terra

Cicche di sigarette a terra

Alcuni dati per capire l’entità del problema che si cela dietro il semplice gesto di gettare un mozzicone di sigaretta:

– a livello mondiale, si stima che il numero di cicche disperse in natura ammonti, ogni anno, a 4.500 miliardi, un’altissima percentuale (tra il 75 e il 97%) di quelle effettivamente fumate;

– a seconda delle condizioni ambientali e del tipo di sigaretta, la decomposizione completa di un mozzicone varia da sei mesi a una dozzina di anni;

– nel filtro delle sigarette fumate si concentra un miscuglio che contiene fino a 4.000 sostanze chimiche che, se non vanno a finire nella discarica controllata, si possono disperdere nell’ambiente (una stima del 2002 ha quantificato nel 10% la percentuale delle cicche abbandonate che finiscono nei corsi d’acqua).

Campagna di sensibilizzazione

“A inizio gennaio – afferma l’assessore alla Sostenibilità Rito Briglia – avevo preannunciato che il Comune si sarebbe fatto trovare pronto con una campagna di sensibilizzazione verso le ulteriori misure repressive che scatteranno da luglio in tutta Italia contro chi getta le cicche in strada. Credo che incentivare la buona pratica del posacenere tascabile sia la soluzione migliore considerato che non si potrà mai aumentare il numero dei cestini in strada così tanto da renderli alla portata di mano del fumatore. Meglio portarsi direttamente il portacenere con sé. Abitudine che i cittadini possono praticare a prescindere della distribuzione che faremo a ridosso dell’estate, con una iniziativa per sensibilizzare i cittadini, perché i posacenere tascabili si possono comprare già ora nelle tabaccherie”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>