Scusi, a che ora passa il bagno 131? Opsss… Volevo dire il bus 131. Ecco cosa c’è dietro l’idea di alcuni creativi pesaresi

di 

14 aprile 2015

PESARO – Un bagno, con tanto di wc, vasca e lavandino… sull’autobus. E dove chi ci sale, ignaro, diventa parte integrante del gioco agli occhi di chi vede passare l’autobus sulla strada: una comparsa parte integrante e – come dire? – funzionale dell’arredo mobile a cielo aperto. Può essere che negli ultimi giorni vi sia capitato di incontrare un autobus decisamente particolare a Pesaro e vi siate chiesti se effettivamente avete visto bene… in realtà si tratta di un’iniziativa di guerrilla marketing, una forma di pubblicità che utilizza metodi non convenzionali, lanciata dai creativi pesaresi dell’azienda Arturo Mancini di Pesaro.

L'autobus "bagno" che gira per Pesaro in questi giorni

L’autobus “bagno” che gira per Pesaro in questi giorni

L’autobus in questione è il 131 e percorre ogni giorno la tratta Pesaro-Cattolica-Gradara: la particolarità sta nel fatto che sulla fiancata sinistra del mezzo è stato riprodotto un vero e proprio bagno a cielo aperto, con tanto di vasca da bagno, wc, doccia e lavandino! Gli ignari passeggeri seduti normalmente all’interno si ritrovano a prestare viso e corpo per completare il disegno posto sulla fiancata, dando così l’effetto ottico a chi guarda da fuori che ci sia realmente qualcuno intento a lavarsi!

Questo tipo di iniziative (conosciute anche come “ambient marketing”) sono solitamente realizzate da grandi aziende come McDonald, Ikea o Coca-Cola che puntano a stupire i consumatori tramite azioni inaspettate o sorprendenti e che lasciano un senso di sorpresa in chi le osserva. Ora, questo tipo di pubblicità ha raggiunto anche Pesaro e dintorni, grazie a questo autobus-bagno pubblico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>