Valentino Rossi è… l’asso pigliatutto

di 

14 aprile 2015

Vale e Uccio ad Austin. Foto tratta da twitter

Vale e Uccio ad Austin. Foto tratta da twitter

TAVULLIA – In testa al Mondiale dopo due gare: Valentino ci pensa al decimo titolo e sia in Qatar sia in Texas ha dimostrato – se mai fosse stato necessario – che sia Marquez sia tutta la compagnia della “piega” della classe regina dovrà fare i conti con lui per la conquista dell’iride 2015.

Scaltro, furbo, esperto come uno che corre da venti anni, il Dottore ha 41 punti in classifica, uno in più di Dovizioso, cinque più di Marquez mentre il suo compagno di squadra accusa 15 lunghezze di distacco.

Ma quello che conta, statistiche alla mano, è che il 46 giallo ha a questo punto 13 punti di più dello scorso anno e, sempre con un occhio alle statistiche, possiamo affermare che il 53% dei piloti che hanno vinto la prima gara a fine stagione si sono laureati campioni del mondo.

Ma i freddi numeri non dicono tutto. Molto di più rivelano la sue pieghe e le sue staccate che ci dicono che è in forma smagliante, che i 36 anni compiuti il 16 febbraio non incidono – al momento – sulle sue prestazioni. Vederlo lottare con Dovizioso come lo abbiamo visto domenica sera lo certifica.

Anzi, al contrario, l’età e l’esperienza in questo caso fanno la differenza.

Se poi si aggiunge “la tigna” che Vale ha dentro per non essere riuscito in Texas ad arrivare davanti a quella Ducati che per poco in un recente passato stava per rovinargli la reputazione, allora possiamo dire che tra qualche giorno in Argentina, nel terzo appuntamento iridato di stagione, lui avrà un solo obiettivo: arrivare al traguardo davanti a tutti. Rossi è fatto così.

A sostegno del concetto, ecco le dichiarazioni di Vale dopo la gara del Texas: “Per poter considerare perfetto il fine settimana americano, avrei dovuto battere Dovizioso, invece non c’è l’ho fatta: lui questa volta ne aveva più di me”.. Niente polemiche, ma ci par di sentire “il bolirone” del suo sangue nelle vene.

E in Argentina ripeterà il suo ruolino di marcia, semplice e efficace. Rossi nelle libere e nelle qualifiche “prova” senza cercare il tempone, ovvero cercherà la miglior messa a punto della sua M1.

Valentino cerca e trova, quasi sempre, quegli assetti che in gara gli consentiranno di stare lì, con i primi e se è il caso lo vorrà, non mancherà di sferrare quella zampata vincente. Se invece proprio non è il caso lui, e qui l’esperienza conta, si “accontenterà” del piazzamento perché in questa stagione vincerà il titolo chi arriverà sempre tra i primi senza sprecare nulla e questo, l’asso pigliatutto lo sa.

13 Commenti to “Valentino Rossi è… l’asso pigliatutto”

  1. Arnaldo scrive:

    Bel pezzo si legge tutto di un fiato, anzi si beve… ma forse è proprio così’.

  2. Bastoner scrive:

    E vero lui ragiona gli altri no ma ci fosse Casey non sarebbe uguale

  3. ciccio 46 scrive:

    Stupidagggini Vale è il più forte il resto non esiste

  4. SmaneTONER scrive:

    Ora basta non è il più forte avvessero consentito a Casey di tornare ne avremmo viste… ma rompeva le uova.. nel paniere allora ma fatemi il piacere…

  5. Gigio scrive:

    In giro dicono che Brusco sia antiVale Asso Pigliatutto rimescola le carte?

  6. dai de gas scrive:

    No Giogio lui è ANTI comunque e poi stamattina si deve essere alzato male

  7. IL BARISTA scrive:

    Io che lo vedo quasi tutti i giorni vi posso assicurare che si alza sempre benissimo, il problema del Brusco e’ quello di essere “Bastardo dentro”.

  8. laser scrive:

    Vale lo sa che in questa stagione vincera’ chi si piazza sempre senza zeri in classifica, ma purtroppo per lui lo ha capito anche Marquez (vedi il qatar), quindi speriamo che l’asso pigliatutto non si trasformi in un bel 2 di picche.

  9. Marika scrive:

    Bellissimo articolo, che suona come musica per le mie orecchie 😉 e condivido in pieno il fatto
    che Vale sia un ASSO (in ogni senso 😉 e se “pigliatutto” mi piace il doppio ! 😀

    Ma anche se sono Valentiniana fino al midollo e credo fermamente che Vale sia, in assoluto,
    il pilota più FORTE al mondo, per scaramanzia, preferisco Non pronunciarmi mai troppo sui
    pronostici, anche se devo puntare su un vincente, ovviamente punto sempre e solo per il
    numero 46  , ma in generale, preferisco godermi le gare sul momento senza illudermi troppo,
    perché sono consapevole di tutte le difficoltà di un’impresa del genere e solo dopo la partenza. giro dopo giro, mentre cresce l’adrenalina, aumenta la speranza ed è tutto un crescendo con quella voglia pazza di vittoria o quantomeno di un bel podio, cose alle quali noi che sosteniamo Vale da sempre, siamo già abituati molto bene. 😉
    Tra le tante, una cosa bella di questo sport è non poter mai dare nulla per scontato, perché
    su ogni pista, ogni volta, bisogna ricostruire tutto da capo, un nuovo set-up, a seconda delle condizioni meteo, dell’asfalto, delle gomme disponibili, di cosa decidono pilota e team e
    questo accresce anche tanto interesse, perché ci sono davvero molte variabili in una gara di MotoGP e per questo io vivo le gare col fiato sospeso e le dita incrociate e ad ogni sorpasso millimetrico l’adrenalina sale alle stelle e passano gli anni, passano gli avversari, tutto cambia,
    ma dove c’è bagarre e spettacolo, guarda caso, c’è sempre Vale!

    Poi, fateci caso, ma una vittoria di Vale, NON è MAI come una vittoria di un altro, che per quanto
    possa entusiasmare, NON è mai paragonabile a quell’allure di TRIONFIO autentico, che si respira quando vince Valentino, che sa regalare ai noi Tifosi un’esplosione di gioia incontenibile e dopo
    la tensione di gara, è quasi impossibile non avere gli occhi lucidi e queste EMOZIONI così grandi
    solo Vale <3 riesce a trasmetterle…
    sarà perché le “sento” in prima persona, non dico che anche per gli altri piloti e relativi tifosi, non sia gioia e soddisfazione, ma, almeno per me, con Vale è tutto molto più magico <3
    e non oso pensare cosa potrebbe accadere, se finalmente si potessemettere la 10ma ciliegina sulla torta…. Schhhh…. Io Non ho detto nulla! 😉

  10. Marika scrive:

    Poi mi spiace contraddire uno dei più simpatici e corretti tifosi di Stoner “BaSTONER “ 😉 ma se domenica avessero fatto correre Casey, non avrebbe rotto le scatole proprio a nessuno, anzi
    più facile intuire che sarebbe stata una delusione per lui e per i suoi tifosi e NON lo dico per
    provocare, tutt’altro, esprimo una mia opinione.
    Ma ragioniamo un attimo col senso della realtà,
    Stoner manca da quasi 3 anni dalle competizioni e si avvicina anche lui ai 30 anni e anche se è ancora molto più giovane di Vale e ora è impegnato a fare il collaudatore per la Honda, ma NON credo che pescare, suo attuale sport preferito, possa essergli utile per avere una preparazione fisica, credo quasi obbligatoria, per poter guidar una MotoGP ai massimi livelli.

    Non a caso, è stato proprio quel vecchio volpone di Suppo a convincere Nakamoto a NON dargli
    la moto per Austin… ma ci rendiamo conto?
    Suppo che NON accontenta il suo pupillo Stoner!?? Mhm ……
    E poi con la scusa di NON voler disturbare Marquez!!?? Eh?? Che cosa?? Ma chi ci crede? 😀

    A parte che il povero Marc NON è stato neppure interpellato, perché tanto a lui va bene tutto, poi siamo solo ad inizio Campionato e un discorso del genere, AL LIMITE, lo fai se mancano pochissime gare alla fine, quando ti stai giocando il titolo, ma lo avete visto in questo weekend Marquez, che scatto felino da centometristra con tuta e casco, senza contare come ha sparato subito dopo la pole, in un solo giro. Marquez ha 22 anni ed è nel pieno della sua carriera, in uno
    Stato di grazia eccellente, la stessa età che aveva Stoner quando vinse il titolo in Ducati.

    E comunque qualcosa Suppo si è lasciato sfuggire nell’intervista a Sky… ha aggiunto che poi
    Stoner non conosce la pista di Austin dove non ha mai corso, Non c’è più il suo meccanico di
    fiducia, che ora segue Miller e poi Casey si è fatto avanti troppo tardi (dopo che era stato già ingaggiato Aoyama) e non ci sarebbe stato tempo per preparare un suo rientro all’altezza..
    della Honda…. parole di Suppo, ma che lasciano intuire più facilmente che questo NO a Stoner,
    sia stato più per Tutelare Casey, che non Marc.

    Ma la cosa che più mi ha sconcertata è questo repentino cambiamento di idea di Stoner…. ma
    se è da quando si è ritirato che in HRC lo supplicano di tornare e LUI categorico ha sempre
    rifiutato di NON voler tornare mai più in MotoGP , se gli hanno offerto il posto di collaudatore, nella speranza di fargli venire voglia di tornare e le hanno provate davvero tutte, se solo un mesetto fa, Casey si era detto disponibile di correre, al limite alla 8 ore di Suzuka, ma guai a parlargli di MotoGP… cos’è accaduto in questi ultimi giorni, da fargli cambiare idea?
    Forse il fatto che Troy Bayliss, nonostante l’età abbia avuto coraggio di rientrare?
    NON so perché Stoner abbia cambiato idea!? ma se DAVVERO vuole rientrare!?? figuriamoci se Suppo non gli trova una moto bella confezionata per lui…
    SE davvero Stoner vorrà tornare, Marquez NON si opporrà sicuro, anzi sarebbe più stimolante
    per lui, come per tutti e allora sì che finalmente potremmo toglierci tanti dubbi su certe dichiarazioni…. SINCERAMENTE io non vedo l’ora di rivedere Stoner in gara con Vale, con Marquez e anche con le nuove Ducati del Dovi e Iannone, con Lorenzo, sarebbe una bella sfida interessante per TUTTI. piloti e tifosi … 😉

  11. Marika scrive:

    Pardon SmaneTONER !!!!!!!! mi riferivo a te, non BaSTONER che era un tuo vecchio nick ahahah…. ricordo male?? 😉

  12. JOE BAR scrive:

    Asso piglia tutti per il sedere…. perché a meno di cadute di concentrazione (dicesi anche mondiale regalato ad Hayden nel 2006) il mondiale 2015 è già nelle sue tasche. Poi vinta la decima coppa iridata potrebbe tornare in Ducati e vincere il mondiale con la casa di Borgo Panigale; ma molto probabilmente a vincere il prossimo mondiale con Ducati sarà … Jorge Lorenzo!!! Fanta motomondiale????? Non saprei ma sicuramente se si avverassero tutte queste mie ipotesi l’interesse per la MotoGP tornerebbe ai livelli in cui Valentino vinceva mondiali a ripetizione. .. e la ricchezza della MotoGp lieviterebbe con grande piacere di Dorna.
    Forza asso!!! Piglia tutto.

  13. Marika scrive:

    Vogliamo giocare al Fantamondiale !!?? Bello…. 😀
    Allora ti dico che solo per ciò che merita, “l’asso Pigliatutto”, se corre fino ai 40 anni
    (ma sarebbe bello corresse fino ai 46!!! 😉 fa ancora in tempo a vincere 1 o 2 !?
    Titoli Mondiali con la Yamaha e se poi a fine 2016 , fossero così pazzi da non gli
    Rinnovargli il contratto, anche a me piacerebbe moltissimo che tornasse in Ducati
    e vincesse quel Titolo rimandato di qualche anno, ma per tutta l’ostlità mostrata
    da certi ducatisti, per non dire cattiveria, No, non lo meritano proprio.

    Allora piuttosto preferirei un ritorno dai Brivio Brothers nel Team Suzuki , che con
    l’arrivo di Vale potrebbe tornare vincente (una sorta di Yamaha-bis e anche il colore
    della moto è di un bellissimo blu, tono su tono 😉
    oppure per incorniciare la sua brillantissima e infinita carriera,
    sarebbe anche bellissimo che Vale andasse a vincere
    il 1° Titolo Mondiale nella TOP CLASS con l’Aprilia !!!
    sempre casa italiana (ancor più della Ducati che ormai è mezza tedesca) e che con le
    Concessioni Open, potrebbe diventare competitiva, senza contare che Vale ha esordito
    vincendo il suo 1° Titolo Mondiale in Aprilia e potrebbe incorniciare il tutto concludendo
    (il più lontano possibile), ma in bellezza e per la stessa casa italiana… sogno troppo?? : D 😀
    Ok tanto nel gioco FantaMotomondiale tutto può accadere, senza contare che a
    volte la realtà supera la fantasia… Però dai, sarebbe una figata pazzesca! 😀 😀 😀

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>