Andreolli, Redaelli e Marchetti: “Cambiare la raccolta dei rifiuti porta a porta nel centro storico”

di 

15 aprile 2015

PESARO – Sembra chiaro l’obiettivo del consigliere comunale Dario Andreolli (NCD) e dei consiglieri del quartiere Centro – Mare, Michele Redaelli e Paolo Marchetti, che, per raggiungere questo obiettivo, hanno presentato una mozione di indirizzo che si discuterà probabilmente nel prossimo consiglio comunale di lunedì.

“La raccolta differenziata nel comune di Pesaro – dichiara Andreolli – è regolata dall’ Ordinanza N° 2185 del 2008 e dall’ordinanza N° 970 del 2011. Per raggiungere gli obiettivi prefissati, il Comune di Pesaro ha adottato diverse modalità organizzative per raccogliere i rifiuti e avviarli al recupero ed attualmente nella città sono attive due diverse tipologie di raccolta: la raccolta di prossimità e la raccolta porta a porta attiva nel Centro Storico dall’Ottobre 2008 oltre che nei quartieri Pantano, Soria, Baia Flaminia , S. Maria delle Fabbrecce, Torraccia, Tombaccia , Colombarone, Siligate, Cattabrighe e Vismara. La richiesta della mozione presentata è quella di rivedere le modalità organizzative per la raccolta dei rifiuti nel quartiere del Centro Storico”.

“In particolare – aggiungono i consiglieri di quartiere Redaelli e Marchetti – la scelta del “porta a porta” (l’orario di raccolta rifiuti è collocato circa tra le 19.30 e le 21.30) crea notevoli disagi nel centro che, essendo una zona di attrazione turistica e commerciale, si ritrova spesso ad offrire immagini non qualificanti con i rifiuti fuori dalle abitazioni e dai negozi in orari serali. Porteremo anche in consiglio di quartiere questo problema, perché riteniamo sia un problema reale da risolvere in tempi brevi, prima della stagione estiva”.
“Il risultato raggiunto dal comune di Pesaro vicino al 70% è frutto non solo di scelte operative, ma anche grazie al cambiamento delle abitudini dei cittadini pesaresi e all’incremento della sensibilità ambientale sviluppatosi in questi anni.

Secondo noi – concludono Andreolli, Marchetti e Redaelli – sarebbe opportuno creare isole ecologiche interrate come accade oggi nelle città più moderne ed avanzate, ma siamo pronti ad accogliere tutte le proposte alternative purché abbiano come obiettivi l’alto rendimento nella raccolta e la maggiore compatibilità con le esigenze di decoro delle principali vie di interesse turistico”.
Dario Andreolli consigliere comunale

Michele Redaelli consigliere di quartiere
Paolo Marchetti Giunchi consigliere di quartiere

 

MOZIONE DI INDIRIZZO

OGGETTO: REVISIONE DELLE MODALITA’ DI RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL CENTRO STORICO DI PESARO


Il sottoscritto consigliere comunale Dario Andreolli,

PREMESSO CHE

L’azienda preposta alla raccolta dei rifiuti nel comune di Pesaro è Marche Multiservizi, multiutility che opera nei servizi di pubblica utilità tra i quali quello di igiene urbana

La raccolta differenziata nel comune di Pesaro è regolata dall’ Ordinanza N° 2185 del 2008 avente come oggetto la “raccolta domiciliare differenziata dei rifiuti urbani ed assimilati, denominata porta a porta in alcuni quartieri” e dall’ordinanza N° 970 del 2011 avente come oggetto : “raccolta differenziata dei rifiuti domiciliare denominata porta a porta e raccolta differenziata dei rifiuti stradale denominata di prossimità”

Per raggiungere gli obiettivi prefissati il Comune di Pesaro ha adottato diverse modalità organizzative per raccogliere i rifiuti e avviarli al recupero ed attualmente nella città sono attive due diverse tipologie di raccolta:
– Raccolta porta a porta : attiva nei quartieri Pantano (da luglio 2011) Soria, Baia Flaminia (da gennaio 2011) Centro (da ottobre 2008) S. Maria delle Fabbrecce, Torraccia, Tombaccia (da marzo 2007) Colombarone, Siligate, Cattabrighe, Vismara (da febbraio 2006).
– Raccolta di prossimità : attiva in tutti i restanti quartieri.

Il risultato raggiunto dal comune di Pesaro, in linea con gli obiettivi legislativi ha raggiunto nel marzo 2012 la percentuale del 67,77% non solo per le scelte gestionali, ma anche del cambiamento delle abitudini dei cittadini pesaresi e dell’incremento della sensibilità ambientale sviluppatosi in questi anni

Le percentuali di raccolta differenziata raggiunte attraverso la modalità del porta a porta sono simile e comparabili a quelle raggiunte attraverso la raccolta di prossimità

CONSTATATO CHE

La scelta del “porta a porta” (l’orario di raccolta rifiuti è collocato circa tra le 19.30 e le 21.30) crea notevoli disagi nel centro storico che , essendo una zona di attrazione turistica e commerciale, si ritrova spesso ad offrire immagini non qualificanti con i rifiuti fuori dalle abitazioni e dai negozi in orari serali

CONSIDERATO CHE

Nella commissione X svolta il 23 Maggio 2013 il dott. Mauro Tiviroli (amministratore delegato di Marche Multiservizi) ha detto che la percentuale attualmente raggiunta dal comune di Pesaro (circa il 70% ) è molto vicina al limite massimo difficilmente superabile sia per ragioni fisiologiche che economiche

Nella stessa commissione il dott. Tiviroli ad esplicita domanda ha espressamente risposto che l’azienda Marche Multiservizi non ha obiezioni nel cambiamento di modalità di raccolta rifiuti nel centro storico e si è dimostrato disponibile ad aiutare l’amministrazione comunale, qualora vi fosse la volontà politica, nel cambiamento di tale modalità

TUTTO CIO’ PREMESSO

CHIEDE

Al Sindaco e alla Giunta,
alla luce delle considerazioni esposte, di rivedere le modalità organizzative per raccogliere i rifiuti ed avviarli al recupero nel quartiere del Centro Storico, cambiando la modalità del porta a porta con altre modalità che, preservando l’obiettivo del rendimento nella raccolta, siano maggiormente compatibili con le esigenze di decoro delle principali vie di interesse turistico.

Pesaro, 22 Marzo 2015

Dario Andreolli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>