Ceriscioli: “Marchigiani riconosceranno trasformismo e opportunismo di Spacca”. E sabato faccia a faccia durante la grande giornata del Sigim

di 

17 aprile 2015

“Finalmente come tanto desiderato e tanto ricercato da Spacca, l’accordo tra Marche 2020 e Forza Italia è stato raggiunto, proprio come anticipato nell’intervista a Libero di questa mattina dall’attuale governatore. Ora gli schieramenti si sono delineati definitivamente. Da una parte c’è la coerenza e la cultura di governo del centrosinistra e il cambiamento che vogliono i marchigiani, dall’altra Spacca con la destra e i disvalori che Forza Italia incarna da anni: disprezzo per la tutela del territorio e dell’ambiente con i condoni, la difesa degli interessi personali davanti del bene comune, i fautori in anni di governo delle leggi ad personam, gli anni bui per la scuola, la ricerca, il sociale e la cultura con l’azzeramento dei fondi durante i governi Berlusconi. I marchigiani sapranno riconoscere la coerenza e le pratiche di buon governo del centrosinistra e chi in questi anni ha perseguito il bene della comunità marchigiana. Al contrario identificheranno l’opportunismo e il trasformismo dell’attuale Governatore che pur di restare attaccato alla poltrona ha cambiato casacca e si è inventato un partito abbracciando la destra di Berlusconi pur di fare il terzo mandato e creare la dinastia Spacca in regione. Noi siamo pronti: abbiamo un programma condiviso con cittadini e associazioni, un candidato scelto da oltre 43 mila marchigiani e liste rappresentative dei territori. I marchigiani sapranno scegliere e daranno il ben servito alla dinastia Spacca”. Lo afferma in una nota Luca Ceriscioli, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Marche.

E questo sabato, ad Ancona, dopo Assemblea generale ordinaria dei soci Sigim, sindacato giornalisti marchigiani, alla presenza del neo segretario generale Fnsi Raffaele Lorusso, ci sarà l’anteprima degli Stati generali dell’Informazione nelle Marche: Giovanni Rossi, segretario regionale, introdurrà il confronto su ‘Crisi media regionali e pluralismo minacciato: gli scenari, la sfida’. Parteciperanno il vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai senatore Francesco Verducci, e i candidati alla presidenza della Regione Marche Gianni Maggi (M5S), Gian Mario Spacca (presidente in carica, fuoriuscito dal Pd, appoggiato da FI) e Luca Ceriscioli (Pd, candidato del centrosinistra e dell’Udc).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>