Strametis, Festival per una vita consapevole tra vecchi valori e antichi sapori, appuntamento alla Stazione Gauss il 25 e 26 aprile. Il programma

di 

17 aprile 2015

PESARO – Al via la prima edizione di Strametis, sabato 25 e domenica 26 aprile alla Stazione Gauss di Pesaro. Due giorni dedicati a tutti gli appassionati di vita sana e consapevole. Organizzato dall’Associazione Stramonio, con il patrocinio del Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza.

Un momento della conferenza di presentazione

Un momento della conferenza di presentazione

Eventi, laboratori, spettacoli, musica, artigianato, incontri e una attenzione al mondo della sostenibilità, dell’ecologia e del biologico. Tra gli ospiti il cantautore napoletano Giovanni Truppi, cantastorie ironico, sarcastico, e Chiara Stoppa attrice milanese che dopo un tumore ha deciso di raccontare la sua storia.

PESARO – Doppio appuntamento, il 25 e 26 aprile, alla Stazione Gauss di Pesaro con Strametis. Festival per una vita consapevole, organizzato dall’Associazione Stramonio, con il patrocinio del Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza. Due giorni alla riscoperta di vecchi valori e antichi saperi. Un momento di confronto e riflessione, oltre che di aggregazione e divertimento, sulla cultura intelligente, in cui il mangiar sano, il vivere all’insegna del benessere del corpo e dell’anima siano prioritari.

“Mangiare, bere, prendersi cura del proprio corpo, vestirsi, divertirsi, sono gesti quotidiani che possiamo declinare in modo responsabile” racconta Camilla Murgia dell’Associazione Stramonio “Strametis vuole portare l’attenzione sulla metis, nella concezione filosofica del termine, ovvero l’astuzia primordiale, l’intelligenza intuitiva propria dell’uomo, quella capacità che ci consente di scegliere e di sopravvivere. Se mettessimo più coscienza nelle azioni convenzionali che facciamo ogni giorno, la nostra vita sarebbe migliore”.

Nelle due giornate dell’evento i visitatori, adulti e bambini, avranno la possibilità di partecipare a laboratori fotografici e di giardinaggio, potranno assistere a conferenze, spettacoli e acquistare direttamente dai produttori e artigiani, selezionati per l’occasione tra le eccellenze del territorio. “Abbiamo cercato di raccontare un mondo diverso: ecosostenibile, ecocompatibile e anche consapevole. Ogni realtà presente all’interno del festival rappresenta una unicità nel suo genere, e contribuisce a creare una drammaturgia di tutto l’evento” precisa Giulia Murgia presidente di Stramonio. Infine la scelta della location “La Stazione Gauss diventa il luogo ideale per creare contenuti innovativi e insoliti, i visitatori troveranno un luogo rivestito per l’occasione, ci saranno arredi ecologici e biocompatibili. Abbiamo cercato di dare una impronta distintiva a tutto l’evento” conclude Giovanni Gigliotti, responsabile degli allestimenti e dell’immagine della manifestazione.

LOGO STRAMETIS

Il programma dei due giorni è ricco: si inizia sabato 25 aprile alle ore 12 con un Brunch di benvenuto e l’apertura della mostra mercato e dei laboratori: uno fotografico a cura di Macula e uno di giardinaggio Green in a Box, curato dall’Associazione Stramonio. Si prosegue poi durante la giornata con una gita nell’orto, su prenotazione, alle 18 con la presentazione dell’Associazione Stramonio e delle sue attività. La serata del sabato è musicale: nello spazio live della Stazione Gauss si alterneranno sul palco I Camillas, band pesarese e Giovanni Truppi, cantautore napoletano, ultima scoperta del mondo musicale autoriale.

Domenica 26 il Festival riaprirà alle 12 con un corso di pastafresca e i laboratori. Alle ore 18 sarà presentata una conferenza dal tema L’Alimentazione tra valori inconsci e valore, a cura del naturopata Mauro Finetti. La serata e il festival si conclude con uno spettacolo teatrale della milanese Chiara Stoppa, dal titolo Il ritratto della salute.

La mostra rimane aperta nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 aprile con orario continuato dalle 12.00 alle ore 24.00 L’evento è gratuito e riservato ai soci Stazione Gauss. E’ possibile tesserarsi in loco al costo di 5 €.

Lo spettacolo di Chiara Stoppa ha un biglietto di ingresso del costo di 12 €. E’ possibile acquistarlo durante la manifestazione o prenotarlo sulla pagina Facebook dell’Associazione Stramonio o via email associazionestramonio@gmail.com. I biglietti andranno ritirati entro le ore 20.00 del 26 aprile.

Per il corso di pasta fresca il prezzo di partecipazione è di 5€, con prenotazione.

L’evento è organizzato da Associazione Stramonio con il patrocinio dell’Assessorato alla Bellezza del Comune di Pesaro e la collaborazione della Stazione Gauss.

L’ARTE VIEN MANGIANDO_LABORATORIO DI FOTO-COLLAGE

A cura di Macula – Centro Internazionale di Cultura Fotografica

L’associazione Macula propone un’installazione interattiva dedicata al tema del cibo. Su una tavola appositamente imbandita con piatti, riviste di cucina, libri di ricette, semi, forbici e colla, il pubblico potrà partecipare a un piccolo laboratorio di foto-collage e ricreare il proprio piatto preferito assemblando oggetti e immagini ritagliate. I collage verranno quindi appesi a mano a mano alle pareti dello spazio espositivo. Un modo creativo per mettersi in gioco attraverso una delle più affascinanti tecniche di composizione fotografica e prendere coscienza delle proprie abitudini alimentari, contribuendo a un grande mosaico collettivo.

GIOVANNI TRUPPI

Nelle sue canzoni gli aspetti banali della vita diventano momenti di commovente grandezza e le tragedie, gli amori, i dolori vengono dissacrati attraverso le lenti dell’intelligenza e dell’ironia. Nel panorama indipendente italico è una delle punte di diamante: dopo più di cento concerti tenuti in due anni, è uscito da pochi giorni il nuovo disco del cantautore napoletano Giovanni Truppi, cantastorie ironico, sarcastico, uno particolare nel modo di cantare, politicamente scorretto nei contenuti.

CHIARA STOPPA, IL RITRATTO DELLA SALUTE

Avere poco più di vent’anni e scoprire di avere un tumore. Fare quattro cicli di chemio, sentirsi dire che fai parte di quel 20 per cento di casi che non guariscono. Sapere di avere solo altri sei mesi, e invece poi sopravvivere. E infine, ma è solo l’inizio, raccontare tutto in un monologo teatrale, «per rispondere a tutti quelli, anche sconosciuti, che volevano sapere come avevo fatto». Lei si chiama Chiara Stoppa, ha 35 anni e di mestiere fa l’attrice per la Compagnia teatrale Atir diretta da Serena Sinigaglia.

Associazione di Promozione Stramonio

Strada Adriatica 151/5 Pesaro

389 5356112 associazionestramonio@gmail.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>