Sicurezza, partecipata assemblea pubblica a Borgo Santa Maria. Ricci e Della Dora: «Buona la prima nei quartieri»

di 

29 aprile 2015

I presenti all'assemblea di Borgo Santa Maria

I presenti all’assemblea di Borgo Santa Maria

PESARO – «Buona la prima: confronto utile e partecipato», commenta Matteo Ricci, uscendo dopo la mezzanotte dal centro sociale di Borgo Santa Maria, al termine del primo appuntamento nei quartieri dedicato alla sicurezza. «Tante persone e grande disponibilità da parte di carabinieri, polizia di Stato e municipale. Che hanno dato consigli molto utili, soprattutto sulla prevenzione da truffe e furti negli appartamenti», Per il sindaco, si tratta di «un’iniziativa che avvicina istituzioni e cittadini, all’interno della grande collaborazione tra Comune e forze dell’ordine. Approfondiremo nei prossimi giorni il tema dei volontari di quartiere: valuteremo come possono essere utili nelle segnalazioni sul lato della sicurezza. Così come faremo una riflessione sulla videosorveglianza e sull’uso delle nuove tecnologie per il controllo del territorio. Ma siamo partiti bene: è stata una serata di pubblica utilità, resa possibile grazie al prefetto e alle forze dell’ordine, che fanno un lavoro straordinario, in un momento così difficile come questo dal punto di vista sociale». Dice il sindaco che «ogni settimana ci sarà un appuntamento in un quartiere diverso: alla fine faremo il punto della situazione. Anche per capire come questa iniziativa potrà proseguire negli anni».

Un momento dell'assemblea

Un momento dell’assemblea

Presenti, tra gli altri, il comandante della polizia municipale Gianni Galdenzi, la dirigente della divisione anticrimine della Questura Natalina Baiocchi, il comandante della compagnia dei carabinieri di Pesaro Giuseppe De Gori. «Il messaggio? Rendere consapevoli i cittadini – spiega l’assessore Mila Della Dora –, informarli sull’attività del Comune e sul lavoro delle forze dell’ordine. C’è stato un pubblico interessato e attento: l’iniziativa vuole favorire momenti di aggregazione sul tema. Chi non è riuscito a partecipare, può farlo nei prossimi appuntamenti nei quartieri». Aggiunge l’assessore: «Non vogliamo che il cittadino si sostituisca alle forze dell’ordine. Ma non bisogna avere timore di segnalare situazioni sospette, perché la collaborazione è utile ed è spesso un modo per prevenire furti o altri reati». Non sono mancati gli spunti, tra cui l’utilizzo di forme dirette di comunicazione tra cittadini e forze dell’ordine. «Sono ipotesi che prenderemo in considerazione: le valuteremo», conclude l’assessore.

Prossimo appuntamento martedì 5 maggio a Muraglia, nella sede del quartiere, alle ore 21.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>