Veggydays, il primo ristorante per vegani a Pesaro

di 

30 aprile 2015

Conferenza stampa di Veggydays

Conferenza stampa di Veggydays

PESARO – Novità assoluta in città, aprirà i battenti nel mese di maggio il primo ristorante vegano a Pesaro. Veggydays ha scelto un luogo centrale, via Gramsci, a due passi dal centro storico, non lontano dal mare, facilmente raggiungibile anche dalla stazione ferroviaria e dai mezzi pubblici. Duecento metri quadrati arredati in stile moderno ed originale, 40 posti all’interno del locale ed una veranda estiva che sarà presto collocata. I sei soci fondatori, che vengono da esperienze diverse, hanno centrato così diversi obiettivi: gettandosi in una fetta di mercato in grande espansione, hanno innanzitutto dato 10 nuovi posti di lavoro e nel contempo offriranno un’alternativa alimentare a chi spesso non trova al ristorante nemmeno piatti vegetariani.

Mercoledì scorso Giovanni Pellegrini, Maria Grazia Pasca e Margherita Lucarini – tre dei soci di Che Veg s.r.l., franchising di ristorazione vegana che comprende fastfood, risto, cafè, market e conta già 17 punti Veggydays in Italia, da Trento a Catania – hanno raccontato com’è nato il loro progetto in una conferenza stampa.

“Vengo dall’esperienza del Pinguino, molti a Pesaro mi conoscono per questo – attacca Pellegrini -, in tanti sono venuti a sciare con la mia agenzia che avevo esportato come franchising su tutto il territorio nazionale. Con Veggydays si sta ripetendo lo stesso modello, solo in un altro campo. Merito di mia sorella, vegana da tanti anni, che mi ha sensibilizzato all’argomento. Lei voleva aprire un chioschetto al mare per i vegani, poi ha cambiato idea, ma a me è scattata la scintilla. Chiaro che anche il business è importante, non siamo una onlus, ma un’attività commerciale che risponde a una tendenza crescente del mercato”.

Già perché il 10% degli italiani è già vegano mentre dati Eurispes (relativi al 2013) prevedono che entro il 2050 lo sarà il 50% della popolazione.

“E noi vogliamo dare una risposta non soltanto a loro, ma essere un’alternativa anche per gli onnivori che vogliono mangiare più sano e leggero almeno qualche giorno la settimana – dice Maria Grazia Pasca -, provare una nuova strada, che comprende cereali e legumi, che spesso rimangono fuori dalla dieta quotidiana, e poter scegliere tra una sterminata offerta di frutta e verdura. Il menù è vario, allegro e colorato, il contrario di quel che si pensa, secondo un pregiudizio ormai superato, che mangiare vegano è triste e grigio”.

Ma c’è anche una vena animalista, che Margherita Lucarini ricorda: “Non mangio più carne dopo aver avuto il coraggio di guardare dei video in cui si vede come funzionano gli allevamenti intensivi. L’uomo è arrivato ad un grado di sfruttamento del mondo animale che non è più tollerabile – dice -. Veggydays è una risposta anche a questa profonda sensibilità, in aumento negli esseri umani”.

Alla conferenza-aperitivo erano presenti anche rappresentanti del mondo animalista (volontari di Oipa ed Enpa) e dello sport (il presidente della Vuelle Ario Costa e Roberto Venerandi, preparatore della squadra; Giancarlo Sorbini e Barbara Rossi presidenti della Robur volley), interessati ad ascoltare una possibilità di alimentazione diversa per i loro atleti.

La curiosità per l’apertura ufficiale, prevista a maggio sta aumentando.

2 Commenti to “Veggydays, il primo ristorante per vegani a Pesaro”

  1. matteo scrive:

    Il primo ristorante vagano a Pesaro è stata la Bottega Bio , penso sia una mancanza di rispetto per il loro ottimo lavoro in questi anni scrivere che lo sia il Veggydays .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>