Vis Pesaro – Termoli 1-2, Ragatzu segna in fuorigioco di 2 metri, pari al 90′ di Evacuo ma Vitale al ’95 ci condanna

di 

3 maggio 2015

VIS PESARO – TERMOLI 1-2

VIS PESARO (4-2-3-1): Osso; Fabbri, Labriola, Brighi, Rosati (23′ st Evacuo); Rossoni (3′ st Rossi), Ruffini; Torelli (48′ st Vagnini), Martini, Bugaro; Zanigni. A disp.: Teodorani, Gnaldi, Vagnini, Bartolucci, Pangrazi, Imperatori, Filippucci. All. Ceccarini

TERMOLI (4-3-3): Marconato; Scalbi, Fuschi, Falco,  Scrianiello; Camporeale (25′ st Scarpone), Romani, Dispoto; Felici, Ragatzu (19′ st Vitale), Santoro. A disp.: Sabbato, Vita, Taccucci, Vitale, Persichitti, Gagliano. All. Di Meo

ARBITRO: Zingarelli di Siena

MARCATORI: 36′ pt Ragatzu (T), 45′ st Evacuo (V), 50′ st Vitale

NOTE: Spettatori: 750 per un incasso di 1200 euro (giornata biancorossa, non validi gli abbonamenti) Espulso al 40′ pt Pangrazi (V) dalla panchina. Ammoniti: Ruffini (V), Labriola (V), Camporeale (T), Zanigni (V), Martini (V), Rosati (V). Angoli: 3-4. Recuperi: pt 2′, st 5′

Martini in azione

Martini in azione

PESARO – Due anni fa si erano sfidate per accedere alla finalissima playoff di Serie D, oggi si incrociano a 180 minuti dalla fine del campionato con l’unico obiettivo di salvarsi: il Termoli ha ancora la possibilità di farlo direttamente, aspettando poi quello che succederà alla società in estate gravata da debiti e (da quanto appreso) in totale o quasi morosità nei confronti dei giocatori della rosa. La Vis, invece, i conti in ordine li ha a livello societario, dopo aver stretto la cinghia più volte, ma in classifica il bilancio è in rosso fisso: solo vincendo oggi con il Termoli e rivincendo poi, tra 7 giorni, a Celano ci può essere ancora una possibilità di riagguantare un posto dei playout. Inoltre, bisognerà sperare che Agnonese e Amiternina (rispettivamente impegnate a Macerata e Teramo) perdano punti. Insomma, serve l’incastro perfetto. Quello che nell’arco della stagione, fin qui, non si è mai verificato

LE ULTIME PRE-PARTITA

Assenti nella Vis Pesaro capitano Dominici e De Iulis, squalificati, più Granaiola infortunato. Torna tra i convocati Vagnini. In panchina i baby Gnaldi e Imperatori. Si scaldano Rosati, in quella che potrebbe essere la sua prima da titolare, in ballottaggio con Bartolucci e Pangrazi (non al meglio) per il ruolo di vice Dominici. Sicuro di una maglia Zanigni, possibile anche l’inserimento di Torelli. Ma tutto sarà reso noto negli ultimissimi minuti.

Nel Termoli assente il grande ex Cremona, squalificato, insieme all’infortunato Dimatera. Tornano a disposizione, a centrocampo, l’esperto Romano e Vitale. Possibile il tridente con Ragatzu (autore del gol vincente all’andata) sostenuto da Santoro e Felici.

INGRESSO a prezzi stracciati: giornata biancorossa,  non validi abbonamenti ma Prato a un euro e Tribuna a 5 euro (gratis i minorenni)

SIAMO IN ATTESA DELLE FORMAZIONI UFFICIALI

Formazioni ufficiali arrivate alle 15. Tutto confermato per entrambe: Torelli e Rosati in campo nella Vis, Felici e Santoro in appoggio a Ragatzu per il Termoli. In tribuna l’ex Cremona. Alle 15.06 c’è ancora gente che entra nel Prato. Presenti anche una ventina di tifosi provenienti da Termoli.

Vis subito pericolo con Torelli: prima è Ruffini a servirlo in area con un filtrante ma Fuschi con una spallata vigorosa lo mette fuori causa, subito dopo al 2′ è Martini a vederlo sul centro destra, in area, con Torelli che questa volta calcia ma il suo destro viene deviato da Marconato in angolo.

11′ lancio di Labriola, per Zanigni che spizza per Martini che controlla e si allunga la palla in area ma viene anticipato in uscita da Marconato. Buona Vis, ma il Termoli è pericolosissimo appena prende la palla sulla trequarti  biancorossa dove si sono persi già un paio di palloni evitabili.

13′ Clamorosa occasione per la Vis: Bugaro sulla sinistra per Zanigni che serve Martini che con una veronica serve Torelli a centro area ma l’esterno pesarese, liberissimo, da due metri, spara fuori. Mezzo Benelli in piedi, l’altra metà resta di sasso: non ci si crede.

Ceccarini si sbraccia, Di Meo non è da meno: è già in maniche corte.

19′ Diagonale indovinata di Rosati su Felici, abile a infilarsi in velocità su assist di Camporeale dopo palla persa da Ruffini a centrocampo.

Leonardi e il presidente Pandolfi osservano dal settore distinti chiuso al pubblico. Va bene la Vis quando riesce ad aprirsi in attacco, cercando Bugaro a sinistra o Zanigni, molto abile oggi a difendere e smistare palloni. Male, invece, in fase di impostazione: troppi palloni persi, troppe ripartenze gratuite concesse nei primi 25 minuti al Termoli.

31′ Ammonito Ruffini per un tocco a centrocampo. 5 minuti prima su un fallo brutale subìto da Bugaro l’arbitro non aveva fischiato neppure il fallo.

Labriola ammonito per un fallo di mano in scivolata al limite dell’area su un filtrante di Santoro. Punizione di Ragatzu deviata in angolo (33′)

Palla spizzata da Zanigni per Martini in area che controlla ma al momento del tiro viene ostacolato da Falco facendo impennare la palla facile preda poi di Marconato (35′)

PAZZESCO al Benelli: Termoli in vantaggio con un gol in netto fuorigioco di Ragatzu, in posizione irregolare tanto per chiarire di due metri circa. Il guardalinee non vede, l’arbitro ben messo non vede incredibilmente. Ragatzu esulta provocatoriamente sotto la tribuna mettendosi le mani nelle orecchie, tutta la Vis va a chiedere spiegazioni al guardalinee: roba da mai dire gol.  Vis-Termoli 0-1 (36′).

Il Termoli, con la Vis frastornata, rischia il bis con Santoro libero in area ma chiuso da Osso miracolosamente (39′).

Il Prato canta: “Forza ragazzi”.

40′ Vis vicina al gol due volte con Martini: prima viene anticipato in uscita da Marconato, poi scarica di sinistro sul secondo palo ma vede il cuoio sfilare un palmo a lato. Vis all’attacco ma con poca lucidità dettata dalla rabbia dell’ennesimo torto arbitrale di questa stagione.

L’arbitro Zingarelli è assolutamente nel pallone: espulso dalla panchina Pangrazi per protese. Il giocatore vissino era a sedere in panchina.

Vita spericolata di Osso: sbaglia l’uscita, rimedia con un colpo di karate sul pallone, poi abbranca la sfera .

Sul versante opposto (45′) Martini si fa anticipare da Falco e Marconato.

Clamoroso palo di Felici (46′) con una conclusione dal limite: in campo, ormai, è il caos totale.

Fine del primo tempo: Termoli in vantaggio con un gol in netto fuorigioco

Le immagini tv nell’intervallo confermano quanto tutti (tranne la terna) avevano visto in diretta: Ragatzu era in fuorigioco di almeno due metri.

Secondo tempo: squadre invariate ma nella Vis si scalda Rossi.

Primo cambio Vis: esce Rossoni, entra Rossi (3′ st)

Con questo risultato la Vis sarebbe matematicamente retrocessa in Eccellenza.

La Vis stenta a riorganizzarsi tatticamente: complici assenze e nervosismo la banda biancorossa non trova il bandolo della matassa.

9′ La Vis prova a sinistra con Bugaro dopo un pallone protetto, non senza difficoltà, da Zanigni: cross basso facile preda di Marconato.

Ragatzu, problemi muscolari, esce e rientra in campo.

13′ st Camporeale incrocia dal limite: palla fuori di pochissimo.

14′ punizione Vis, Ruffini per Bugaro in area, uscita di Marconato ma Torelli vanifica tutto crossando malissimo.

16′ Continuano le comiche: rinvio da parte di un giocatore del Termoli, la palla termina fuori nella trequarti molisana e il guardalinee, insieme all’arbitro, concede la rimessa contro la Vis. Ma perché? Ammonito Zanigni per proteste.

17′ Ammonito Martini per simulazione in area.

19′ Vitale per Ragatzu.

Il Termoli gioca senza attaccanti di ruolo ma sfiora il 2-0 con Santoro: parata in uscita di Osso. La Vis è aggrappata a un filo: con un pareggio, visti gli altri risultati, resterebbe ancora in vita.

L’Agnonese perde a Macerata, l’Amiternina pareggia a San Nicolò.

Leonardi abbandona la tribuna e il Prato gli dedica un coro non trascrivibile.

Con Evacuo la Vis è con 4 attaccanti: Torelli viene spostato a terzino sinistro e poi a destra, con Fabbri piazzato sulla corsia opposta.

26′ batti e ribatti in area, rovesciata di Rossi alla Pinilla, Marconato compie il miracolo, sulla ribattuta Bugaro la spara alta sul primo palo. Credici Vis.

32′ Scene da calcio parrocchiale. Scrianiello salta con due rimpalli Brighi e conclude a botta sicura: palo pieno. Vis graziata.

35′ Vis tutta in attacco: ripartenza di Santoro che cavalca indisturbato ma arrivato in area la serve a Torelli che libera l’area dando l’illusione ottica dell’autogol.

37′ Lampo di Vis: Evacuo per Martini che prende il tempo a Fuschi, si gira in area ma invece di servire Zanigni ben piazzato calcia debolmente tra le mani di Marconato. Labriola gioca da punta pura, sono saltati tutti gli schemi.

40′ Ennesimo gol fallito da Santoro: solita cavalcata, solita entrata solitaria in area, questa volta cerca il dribbling su Osso che riesce a toccare quel tanto da permettere a Torelli di chiudere anche evitando l’angolo. Vis incredibilmente ancora in partita: il problema è che davanti è solo confusione, la tensione, la rabbia, il contesto fanno pesare il pallone come la palla al piede dei carcerati.

Pareggio della Vis con Evacuo, in area, al 90′. Vis che poi nel giro di un minuto accarezza due volte il 2-1 con Labriola, che non arriva sull’assist di Bugaro dalla sinistra, e poi con Ruffini che dal limite sfiora con una sventagliata l’incrocio dei pali. Entra anche Vagnini per Torelli: per sfruttarne i colpi di testa. Tre angoli di fila della Vis.

50′ La Vis dopo un arrembaggio pazzesco vede sfumare con il sinistro di Ruffini la possibilità del 2-1 clamoroso ma sulla ripartenza, questa volta, il Termoli segna: l’azione è un compendio di tutto quello che non dovrebbe accadere, con 6 uomini della Vis fermi a metà campo inermi, senza più energie, e tutto il Termoli in attacco. Al quinto tentativo nella stessa azione, in posizione forse dubbia, Vitale la spinge dentro e spinge la Vis in Eccellenza.

2 Commenti to “Vis Pesaro – Termoli 1-2, Ragatzu segna in fuorigioco di 2 metri, pari al 90′ di Evacuo ma Vitale al ’95 ci condanna”

  1. vittorio scrive:

    Prima retrocessione. La seconda domenica prossima

  2. Vecchia maniera scrive:

    Sappiamo chi è il padre di questo scempio. Grazie Leonardi. Ora per favore vattene e raggiungi il tuo amato Bonvini,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>