Domenica 10 maggio “ArcheoFurlo” e “Tra le meraviglie della Gola”, due appuntamenti gratuiti per adulti e bambini

di 

8 maggio 2015

PESARO – La Riserva naturale statale “Gola del Furlo”, gestita dalla Provincia di Pesaro e Urbino, promuove per domenica 10 maggio due interessanti appuntamenti, entrambi gratuiti (con prenotazione obbligatoria allo 0721.700041, numero verde 800.028.800; mail: riservafurlo@provincia.pu.it).

Alle ore 9.30, con partenza dalla Diga Enel del Furlo, prenderà il via “ArcheoFurlo”, una passeggiata archeologica nella Riserva, dedicata ad adulti e bambini, per conoscere meglio la strada Flaminia che attraversa la provincia con un tracciato dagli Appennini alla costa Adriatica, passando all’interno della Gola del Furlo. Qui sarà possibile ammirare lunghi tratti di muri di contenimento, tagli di pareti di roccia, un chiavicotto, due gallerie, iscrizioni romane ed il sito archeologico della Grotta del Grano, antica sede del castello gotico.

Alle ore 15, sempre con partenza dalla Diga Enel del Furlo, è prevista “Tra le meraviglie della Gola”, una tranquilla passeggiata accessibile a tutti (anziani, bambini, mamme con passeggini, disabili fisici ecc.) per ammirare le imponenti e suggestive pareti della Gola del Furlo: la guida della Riserva condurrà i partecipanti lungo la storica strada Flaminia che si snoda parallela al fiume Candigliano, in un percorso pianeggiante e ricco di emozioni: il miglior modo per ammirare la moltitudine di fiori che crescono nella Gola del Furlo, i rapaci e gli altri uccelli che volano e nidificano sulle ripide pareti. “Tra le meraviglie della Gola” è un appuntamento fisso della domenica e dei giorni festivi.

Info: tel. 0721.700041; www.riservagoladelfurlo.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>