La Lega Nord dice no ai profughi: “In Italia c’è razzismo verso gli italiani”

di 

9 maggio 2015

PESARO – La Lega Nord ha dato vita oggi, a Pesaro, ad un sit-in per dire no all’arrivo, nelle Marche, di altri 2.000 profughi. La manifestazione, richiesta per piazza del Popolo è stata autorizzata dalla Questura  in Piazzale della Libertà, zona meno frequentata, anche a causa della concomitante festa della Croce Rossa, sempre in Piazza del Popolo.

“La cosa ha notevolmente ridotto la visibilità della stessa che, per questa ragione, verrà a breve replicata perché si ritiene essenziale far sapere, ai cittadini, che la cosiddetta “solidarietà” costa da 1.000 a 1.340 euro al mese per sedicente profugo, mentre ad un disabile vengono riconosciuti 279 euro al mese, ad un invalido e cieco 800 – scrive Luca Rodolfo Paolini – Si tratta, a nostro avviso, di una vera e propria forma di “razzismo al contrario”, dietro la quale si celano interessi milionari di talune Onlus e Coop che, come ha dimostrato il caso “Mafia Capitale” non sempre operano in modo trasparente. Abbiamo documentazione di casi in cui, per ospitare una mamma con 2 bimbi piccolissimi, vengono chiesti ai Comuni 2.400 euro al mese, pari a 28.800 euro all’anno, quando la stragrande maggioranza delle famiglie e pensionati italiani vive con cifre di gran lunga inferiori. In altri casi per ogni ospite si spendono 1.340 euro al mese. E’ evidente che qualcosa non torna e che appare sempre più necessaria una inchiesta approfondita da parte dei competenti organi sull’intero mondo delle “onlus” e “coop” che gestiscono l’immigrazione, in particolare con approfondite verifiche fiscali e patrimoniali per capire se il fiume di denaro pubblico che viene intermediato è correttamente impiegato ovvero finisce per arricchire individui senza scrupoli, dato che, come ha detto uno di questi “finti-buoni”…”gli immigrati rendono più della droga””.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>