Consultinvest PESARO – Pasta Reggia CASERTA 80-70: #fiuuuuuuu

di 

10 maggio 2015

CONSULTINVEST PESARO – PASTA REGGIA CASERTA 80-70

Consultinvest Pesaro: Ross 28, Myles 4, Basile 0, Musso 6, Raspino 0, Wright 13, Judge 12, Crow 6, Tortù 0, Lorant 12. All. Paolini

Pasta Reggia Caserta: Mordente 4, Domercant 4, Antonutti 5, Vitali M. 5, Tommasini 5, Michelori 3, Fabbri 0, De Franciscis 0, Tessitori 0, Moore 19, Scott 10, Ivanov 17. All. Esposito

Arbitri: Lamonica, Di Francesco, Attard

Spettatori: 6603

Parziali: 27-30, 19-13, 21-13, 13-14

La coreografia del popolo biancorosso contro Caserta

La coreografia del popolo biancorosso contro Caserta

PESARO – A TESTA ALTA!!! Pesaro rimane in serie A al termine della miglior partita giocata in questa stagione, con Ross a trascinare i compagni verso la salvezza, ma tutti stasera hanno portato il loro mattoncino alla causa, da Crow a Lorant, da Judge a coach Paolini che è riuscito a trasferire la sua voglia di vincere ad un gruppo di giovani americani, dopo un primo tempo nel quale Caserta è rimasta avanti grazie alle triple. Pesaro piazza il break decisivo nel terzo quarto, grazie ad una superlativa difesa che ingabbia Domercant e non concede quasi mai canestri facili, la Vuelle arriva per due volte ad un vantaggio di 16 punti e nel finale è brava a gestire la pressione, vincendo con pieno merito per 80 a 70, scavalcando Caserta in classifica e salvandosi all’ultima giornata, bene così, perché ce la siamo vista veramente brutta durante l’anno.

L’Adriatic Arena finalmente presenta un colpo d’occhio degno dell’importanza del match, con le due tifoserie a lanciare cori già da mezz’ora prima del salto a due: la curva pesarese è gremita come ai tempi belli e potrebbe essere una variabile importante per dare una scossa ai giovani americani biancorossi, non abituati a giocare partite senza un domani. Coach Paolini decide di schierare capitan Musso nello starting five insieme a Ross, Judge, Lorant e Wright ed è proprio il play biancorossa a segnare i primi punti per la Vuelle, con gli ospiti che si portano sul 5 a 2 con una tripla di Scott che si ripete nell’azione successiva per il più 4 casertano con Judge che non riesce a marcarlo a dovere, anche se il pivot biancorosso si riscatta segnando cinque punti consecutivi per il 9 a 10 ben servito dai compagni, la Pasta Reggia sembra in giornata di grazia dalla linea dei 6.75 con già cinque triple a referto che la fanno volare sul 19 a 13, costringendo coach Paolini a chiamare il suo primo timeout per cercare di dare una scossa ad una Consultinvest che schiera Myles al posto di Musso, in panchina con due falli a carico, mentre Caserta risponde con Domercant e Antonutti, l’asse Wright-Judge confeziona una alley-oop da cineteca per il 18 a 21, con il pivot pesarese già arrivato in doppia cifra, si sveglia dal sonnellino anche Ross con un bella azione spalle a canestro, ma sono sempre gli ospiti a condurre con la tripla di Tomassini che vale il 28 a 22, in un primo quarto dove sono stati gli attacchi a dominare e che si conclude con la Pasta Reggia avanti per 30 a 27.

Un tap-in di Myles porta la Vuelle per la prima volta avanti sul 31 a 30, ma Caserta non molla un centimetro sfruttando tre rimbalzi offensivi che riportano il punteggio in parità a quota 34, si lotta su ogni pallone e il gioco inevitabilmente perde di qualità tecnica, con tanti errori da ambo le parti, capitan Musso commette un’evitabile terzo fallo dopo aver perso il pallone in palleggio, imitato nell’azione successiva da Raspino, costringendo coach Paolini a schierare un quintetto con pochi punti nelle mani, potrebbe essere il momento chiave del match, perché la Pasta Reggia piazza un break di 6 a 0 e la Vuelle cerca ancora la sua prima tripla di serata, che arriva per merito di Nicholas Crow per il 38 a 40, imitato da Wright per il 43 pari e ancora da Crow che dai sette metri colpisce per il 46 a 43, punteggio col quale di chiude un secondo quarto combattuto e nervoso.

Le statistiche di metà partita evidenziano una sostanziale parità tra le due formazioni, sia a rimbalzo (22-19) che nelle percentuali, con Caserta che ha tirato 21 volte da tre e 13 volte da due, mentre Pesaro è stata più equilibrata nelle sue scelte offensive.

Ross inizia il terzo quarto con la tripla del 49 a 45, imitato da Wright che punisce dall’angolo la zona casertana (52-47 al 23’), si rivede anche Judge, a lungo in panchina per preservarlo dai falli, in una Vuelle che cerca di piazzare il break con le triple di Ross e Lorant che la fanno volare sul più 11 (60-49 al 26’), merito anche di una difesa che effettua una marea di raddoppi sugli esterni casertani, costringendo gli uomini di Esposito a conclusioni affrettate, Ross arriva in doppia cifra segnando due liberi dopo aver subito il quarto fallo di Scott e i liberi saranno importanti nell’economia del quarto, con la Pasta Reggia che ha già esaurito il bonus, Ross è “on fire” e il suo 17esimo punto vale il massimo vantaggio (67-51) casalingo, in un terzo periodo che si chiude con la Consultinvest avanti per 67 a 56, con la tripla a fil di sirena di Moore.

I falli potrebbero essere la variabile di questo match, con Musso, Raspino e Judge già a quota quattro personali, fattore che costringe coach Paolini ad inserire Basile e Crow nel quintetto che inizia l’ultimo quarto, lasciando tutto il peso offensivo sulle spalle di Ross che infila cinque punti consecutivi e riporta la Vuelle sul più 16 (72-56 al 33’), la difesa pesarese continua a mordere, ma anche Lorant commette il suo quarto fallo e non sarà semplice arrivare alla fine col miglior quintetto, si segna poco e questo avvantaggia la formazione avanti nel punteggio, ma la partita è tutt’altro che decisa con la Vuelle che non deve commettere l’errore di rallentare il gioco, si entra negli ultimi cinque minuti con i padroni di casa avanti per 76 a 61, ma la Pasta Reggia è ancora totalmente in partita, complice due palle perse in maniera sconsiderata dall’attacco pesarese che causano un break di 6 a 0 che riapre completamente il match (76-67 al 37’), Ross segna da sotto, ma nell’azione successiva Lorant commette il suo quinto fallo ed è costretto ad uscire, con il bonus esaurito saranno tantissimi i viaggi in lunetta, con Ross che segna i liberi dell’80 a 68 a cento secondi dalla sirena, ma Caserta ha finito la benzina e Pesaro può urlare tutta la sua gioia per una vittoria meritatissima che le consente di rimanere in serie A, punteggio finale 80-70 e tutti alla Palla a festeggiare!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>