Ross mostruoso, Wright e Judge fondamentali, ma tutti hanno fatto il loro

di 

10 maggio 2015

PESARO – Le pagelle dei cestisti della Vuelle nella partita più importante:

ROSS
Ci ha fatto arrabbiare per trenta partite, perché il talento di LaQuinton è sempre stato innegabile, così come la sua poca voglia di rimanere collegato mentalmente per 40 minuti, ma stasera tira fuori una prestazione da fuoriclasse, con 28 punti, 12 rimbalzi e 36 di valutazione. L’azione simbolo del suo match è la stoppata all’ultimo minuto su Domercant che ha sancito la vittoria della Vuelle, MVP 9

MYLES
Non c’era più con la testa dallo scorso marzo e anche stasera ha proseguito nella sua involuzione, soli 4 punti a referto per Anthony che avrà il tempo di pensare alla sua nuova squadra che lo aspetta oltralpe. Meriterebbe 5 ma gli diamo 6 per la salvezza raggiunta.

BASILE
Tiene il campo dignitosamente, senza infamia e senza lode, 6

MUSSO
Nervoso come uno sposo sull’altare il capitano, che sente troppo la partita e commette tante banalità, compreso un contropiede fallito in solitaria. Stasera non era la sua serata, ma la sua grinta non l’ha fatta mai mancare neanche quando sventolava l’asciugamano in panchina, va bene lo stesso, 6

RASPINO
In difesa dà una bella mano, ma in attacco è completamente nullo, pagella che potrebbe essere presa da quasi tutte le partite disputate in questa stagione da Tommaso, meno 4 di valutazione. Sarebbe da 4,5 in pagella, ma anche a lui diamo 6

WRIGHT
Piazza le triple nei momenti più delicati, confermandosi il vero leader di questa Vuelle, pazienza se qualche entrata non è finita in fondo alla retina, ma Chris non si è mai perso d’animo e ha trascinato i compagni per tutto il match, 7,5

JUDGE
14 punti e 9 rimbalzi per Wally che si è confermato un pivot in grossa crescita anche stasera, peccato per qualche fallo ingenuo, ma quando è rimasto sul parquet si è fatto sentire tantissimo, 7,5

CROW
Due triple fondamentali, non si chiedeva altro a Nicholas in questa stagione, ma abbiamo dovuto aspettare l’ultima partita per vederlo finalmente protagonista, 6,5

LORANT
Non sarà spettacolare, non si alzerà due metri sopra il cielo per schiacciare in testa all’avversario, ma Peter è un manuale di pallacanestro e anche stasera sono poche le sbavature dell’ungherese in ambo i lati del parquet, fondamentale 7

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>