Niente punti in Portogallo per Gianni Morbidelli nella serie TCR , in una trasferta da… “wrestling”

di 

11 maggio 2015

Gianni Morbidelli

Gianni Morbidelli

PORTIMAO (Portogallo) – La quarta puntata del campionato turismo TCR International Series 2015 andata in scena ieri sulla costa del Portogallo vicino alla cittadina di Portimão all’Autódromo Internacional do Algarve non ha permesso a Gianni Morbidelli ed alla sua Honda Civic TCR di marcare alcun punto. Il pesarese è stato eliminato poco dopo metà della prima corsa da un contatto subito dalla SEAT di Andrea Belicchi; in precedenza l’ex pilota di Formula 1 italiano aveva perso posizioni in classifica dopo essere stato urtato dalla SEAT dello svizzero Stefano Comini (leader del campionato) mentre i due e lo spagnolo Pepe Oriola lottavano per il quarto posto in una corsa dominata dall’Audi TT del danese Nicki Thiim, partito in pole position.

Nella seconda corsa Morbidelli lottava per la sesta posizione a inizio gara ma è stato violentemente speronato dalla SEAT di Lorenzo Veglia, con entrambe le vetture costrette subito al ritiro per i danni subiti. Un altro pilota danese fin qui fuori dalla lotta per il titolo TCR Series, Michael Nykjaer su SEAT, ha vinto una gara due in cui è riuscito a concludere secondo il compagno di team di Morbidelli Kevin Gleason. Grazie a questi risultati relativamente sorprendenti l’italiano della Honda WestCoast Racing conserva il terzo posto in campionato che aveva dopo le qualifiche del sabato, ma a 25 punti da Comini e 14 da Oriola.

L’OPINIONE DI GIANNI MORBIDELLI SU PORTIMAO

“Oggi alcuni miei colleghi hanno passato il limite senza ritegno e il risultato sono stati due ritiri e, dopo la botta che ho ricevuto all’inizio di gara due, anche danni piuttosto pesanti alla mia Honda che è una cosa di cui tutti nel mio team avrebbero volentieri fatto a meno, visto che alla trasferta di Monza operativamente manca molto meno dei dodici giorni che si vedono sul calendario e che anche in Algarve hanno lavorato come matti giorno e notte quasi senza sosta. Zero punti in due gare sono un risultato molto deludente, che sia ancora terzo in campionato è più un concorso di casi fortuiti che altro, e comunque i punti da recuperare alle SEAT di Comini ed Oriola cominciano ad essere tanti. In molti dicono già che la trasferta di Monza sarà più favorevole alle Civic, ma quest’anno più che mai bisogna guardare le cose con realismo, non basandosi sulle speranze”.

GARA UNO

1.  N. Thiim (Audi TT) 13 giri
2.  J. Gené (Seat Léon)
3.  L. Veglia (Seat Léon)
4.  K. van der Linde (Audi TT)
5.  S. Comini (Seat Léon)
6.  M. Grachev (Seat Léon)
7.  K. GLEASON (Honda Civic)
8.  J. Monroy (Seat Léon) 1:55.080
9.  O. Nogues (Opel Astra)
10. F. Mora (Seat Léon)
R.  G. MORBIDELLI (Honda Civic)

GARA DUE

1.  M. Nykjaer (Seat Léon) 13 giri
2.  K. GLEASON (Honda Civic)
3.  J. Gené (Seat Léon)
4.  P. Oriola (Seat Léon)
5.  J. Monroy (Seat Léon)
6.  M. Grachev (Seat Léon)
7.  O. Nogues (Opel Astra)
8.  J. Mora (Seat Léon)
9.  I. SKUZ (Honda Civic)
10. A. Belicchi (Seat Léon)
R. G.MORBIDELLI (Honda Civic)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>