Dal mercato di Pesaro l’affondo della Meloni (FdI) a Forza Italia: “E’ l’utile idiota della sinistra”. Poi con Acquaroli incontra le forze dell’ordine

di 

12 maggio 2015

Giorgia Meloni con Francesco Acquaroli per le vie del mercato di Pesaro

Giorgia Meloni con Francesco Acquaroli per le vie del mercato di Pesaro (foto tratta da Fb)

PESARO – “Nelle Marche, Forza Italia rischia di essere l’utile idiota della sinistra, perché quello che si sta materializzando tra Spacca e Ceriscioli è un congresso interno al Pd. Si tratta di due facce di quelli che hanno governato la Regione Marche negli ultimi 10 anni: uno lo ha fatto da governatore e l’altro da capo del partito di maggioranza. Oggi hanno litigato e fanno finta di essere su sponde diverse: a casa nostra rimangono sempre la sinistra”.

Durissimo l’attacco di Giorgia Meloni, presidente nazionale di Fratelli d’Italia, interpellata dai giornalisti a margine della visita di questa mattina al mercato di Pesaro. “Un partito come Fratelli d’Italia che vuole rappresentare l’alternativa a Renzi e alla sinistra – continua la Meloni – non si schiera con una delle sue rappresentanze. L’unica alternativa è il “fronte anti-Renzi” con la candidatura di Francesco Acquaroli”.

L’INCONTRO CON LE FORZE DELL’ORDINE

“Ieri a Senigallia e oggi a Pesaro abbiamo incontrato con Giorgia Meloni​ i ​rappresentanti sindacali delle Forze dell’Ordine. ​Sono stati due ​incontri che hanno portato alla luce le criticità di una categoria di lavoratori umiliati ed abbandonati ​a se stessi. Non sono bastati cinque provvedimenti svuotacarceri voluti da​i governi ​Monti​, ​Letta​ e ​Renz​i: ​ora con l’introduzione del sacrosanto reato di tortura si è pensato bene di prevedere pene pesantissime per le cosiddette “minacce psichiche”. Con il risultato che, ancora una volta, il tutore dell’ordine rischia ​di ​più dei violenti. A ciò si aggiunge la cronica carenza di  organico, ulteriormente messa a dura prova dai continui sbarchi, dall’Expo e dal prossimo Giubileo. La sicurezza è un diritto primario e chi rischia la vita per garantir​la ai cittadini​ va tutelato. Di certo questi temi nelle Marche non possono essere rappresentati dalla ditta Ceriscioli-Spacca, figli gemelli del governo Renzi-Alfano”.

Lo dichiara il candidato alla presidenza della Regione Marche di Fratelli d’Italia e Lega Nord Francesco Acquaroli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>