“Ma quale Buona Scuola!” I docenti dell’Agrario Cecchi contro la Riforma del Governo Renzi

di 

18 maggio 2015

PESARO – Domani, 19 maggio, i docenti e il personale dell’Istituto Agrario “A.Cecchi” di Pesaro dedicheranno l’intera giornata ad attività di sensibilizzazione sui contenuti della Riforma e all’approfondimento di alcuni aspetti che rischiano di mettere a rischio l’istituzione libera e democratica della scuola pubblica.

Il premier Renzi spiega la "Buona Scuola" davanti alla lavagna

Il premier Renzi spiega la “Buona Scuola” davanti alla lavagna

Dal termine delle lezioni fino alle ore 24, i docenti saranno impegnati in gruppi di lavoro, attività, e momenti assembleari che si concluderanno con un presidio luminoso della scuola che verrà non vegliata ma sorvegliata in previsione del voto alla Camera previsto per mercoledì 20.

“La Scuola non dorme – scrive Giacomo Valentini, portavoce della protesta che ha portato alla firma di un documento condiviso da 53 docenti- e accende le luci sulle contraddizioni di una Riforma che ancora una volta ci viene calata dall’alto. Il personale della scuola non dice no a priori né vuole conservare alcun privilegio, non teme le valutazioni, semmai è spaventato da un impianto teorico che va verso una scuola di tipo aziendalistico e padronale. Siamo docenti autoconvocati che si spogliano di ogni sigla per ritrovarsi compatti sull’emergenza e le ragioni che dovrebbero prevalere”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>