Edifici intelligenti per Fano: le considerazioni di Fanesi

di 

19 maggio 2015

Fanesi (PD)

Fanesi (PD)

Cristian Fanesi*

FANO – Ieri sono state approvate dal consiglio comunale le linee programmatiche “Edifici intelligenti per Fano”.

Il tema dello ‘Smart Building’ (o edifici intelligenti) viene affrontato, oggi, in maniera sempre più significativa nel settore immobiliare e mira ad evidenziare approcci intelligenti e razionali nella gestione degli edifici nuovi ed esistenti. Continua a crescere l’interesse verso la qualità dell’immobile, che passa principalmente attraverso la gestione efficiente dei consumi.

È sotto gli occhi di tutti come la componente tecnologica determina in gran parte questa qualità e la ristrutturazione di un edificio può costituire, di conseguenza, un volano di sviluppo economico importante.

Il programma “edifici Intelligenti per Fano” di cui il Comune di Fano sarà capofila, è un’idea nata da CNA Fano e condivisa dalle associazioni degli artigiani della nostra comunità.  Nasce anche dal fatto che in questi anni il Comune di Fano non è riuscito (anche per carenze di pianta organica) ad intercettare finanziamenti europei.  Il progetto ha l’obiettivo di coinvolgere enti locali e soggetti privati per trovare finanziamenti pubblici europei (che possono arrivare fino al 65%) per aumentare l’efficienza energetica degli edifici sia pubblici (scuole, edifici sanitari, residenze pubbliche, sedi di enti), sia per gli edifici privati.

AI momento i partner del Comune di Fano nel programma sono ASET S.p.A. per il supporto alla parte tecnica ed anche per l’analisi statistica (consumi di gas ed energia elettrica per illuminazione pubblica) ed E.R.A.P. Marche che ha già in programma di destinare risorse alla ristrutturazione (anche dal punto di vista energetico) del proprio patrimonio.

Un dato interessante: il 17% dei consumi energetici deriva dagli edifici pubblici (stima Confindustria); adoperarsi per un significativo risparmio energetico finanziando gli interventi garantirà al territorio un ritorno ambientale senza destabilizzare le finanze comunali.  “Edifici intelligenti per Fano” è il primo esempio in Italia di cooperazione pubblico-privato per una riqualificazione complessiva urbanistica ed energetica che possa usufruire di finanza agevolata;  il pubblico si fa promotore di sviluppo non sostituendosi al privato ma aiutandolo a raggiungere quella “massa critica” necessaria per accedere ai fondi europei. Prestando le proprie organizzazioni per organizzare le richieste e l’accesso alle informazioni.

I finanziamenti a cui potremo avere accesso come comunità saranno disponibili per attività di riqualificazione urbanistica e non ultimo il Consiglio Comunale potrebbe anche modificare i regolamenti tributari per garantire sconti sulle imposte locali a chi avrà presentato i progetti finanziati.

Un progetto interessante, portato avanti con serietà dall’Amministrazione comunale di cui non mancherà certamente verifica puntuale e periodica in quanto priorità della giunta comunale e dei gruppi politici di maggioranza.

*Capogruppo del Partito Democratico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>