I grillini fanesi: “Consigli e commissioni sono legittimi”

di 

19 maggio 2015

Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri, Roberta Ansuini, consiglieri del Movimento 5 stelle Fano

Hadar Omiccioli, Marta Ruggeri, Roberta Ansuini, consiglieri del Movimento 5 stelle Fano

Marta Ruggeri, Hadar Omiccioli, Roberta Ansuini*

FANO – Ieri, in apertura di Consiglio, abbiamo proposto una mozione d’ordine per porre l’attenzione dell’assemblea su una nota inviata dalla Segretaria Generale all’Ufficio di Presidenza, nota di cui secondo noi andavano informati tutti i consiglieri ed assessori presenti.

In tale nota si sottolinea che la disciplina della comunicazione istituzionale in periodo elettorale è affidata sostanzialmente all’unico art. 9, co. 1 della legge n.28/00 ove si legge: “Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”.

A questo punto appare evidente che tutte le Commissioni svolte finora, compresi i Consigli comunali, siano legittime, per cui è lecito rimandare al mittente le accuse di strumentalizzazione della Commissione Garanzia e Controllo presieduta da Roberta Ansuini, accuse infondate e vergognose mosse pubblicamente attraverso gli organi di stampa da parte di questa maggioranza.

Alla luce di tutto questo appare altresì chiaro, invece, che ciò che andrebbe accuratamente evitato sono tutte quelle comunicazioni che tendono a dare una immagine positiva dell’ente e quindi dei suoi amministratori, perché questo sì potrebbe interferire e distorcere una libera consultazione elettorale. Invece ogni giorno assistiamo a proclami propagandistici a mezzo stampa, dopo mesi di inerzia anche comunicativa dei nostri amministratori che ora si affannano in comunicati e conferenze stampa che invece dovrebbero per correttezza almeno rimandare.

Ultima annotazione da fare è che la maggioranza non avrebbe dovuto di certo usare l’assenza alla scorsa Garanzia e Controllo della dottoressa Renzi, tra l’altro giustificata, per usare il suo parere, pur chiarissimo, che è diventato alibi per impedire di fatto lo svolgimento della commissione, prima procrastinando la discussione con la scusa della presunta illegittimità della convocazione, poi facendo mancare il numero legale. Secondo noi usare questi mezzi è veramente sinonimo di scorrettezza politica ai danni non solo dei soggetti coinvolti, ma di tutti i cittadini.

Per questo motivo, post consultazioni elettorali per dimostrare che non è nostra intenzione usare le commissioni per far campagna elettorale e non lo è mai stata, la presidente Ansuini si adopererà per una nuova convocazione, in quanto le risposte finora ricevute sul perché la Rincicotti e Orciani sia stata acquistata senza passare attraverso il Consiglio comunale e ad un prezzo gonfiato rispetto a quello di mercato non sono state per nulla convincenti in questi 12 anni. Ricordiamo che tutta l’operazione è costata 1.400.000 euro di soldi pubblici, la ditta è sull’orlo del fallimento e ben cinque lavoratori rischiano di perdere il lavoro. Le dichiarazioni di Minardi a riguardo potrebbero essere un primo passo per far chiarezza su questa vicenda e speriamo in una sua piena collaborazione, anche se tardiva. In nome di una vera trasparenza, torniamo a richiedere lo streaming della Commissione Garanzia e Controllo, in modo che impedimenti del lavoro di controllo svolto dall’opposizione non siano più ammissibili, se non quantomeno alla luce del sole. La trasparenza non è una bandiera da sventolare, ma lo strumento attraverso il quale realizzare una buona politica.

*Lista Civica MOVIMENTO CINQUE STELLE FANO – beppegrillo.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>